Anne Hathaway: «Sì, imbroglio per ottenere dei ruoli»

15.5.2019 - 17:14, tsch

Anne Hathaway parla dei suoi più grandi imbrogli, delle sue esperienze con la lingua tedesca e spiega perché di recente è diventata una fan di Maiorca.

Vestita con un semplice maglioncino bianco a collo alto e una gonna di pelle nera a righe verde scuro, Anne Hathaway si è presentata all'intervista a New York con un aspetto molto sobrio. Tuttavia, l'attrice di 36 anni appare radiosa, anche grazie a più di un asso nella manica. Nel suo nuovo film, «Attenti a quelle due» (in arrivo nelle sale il 16 maggio), remake di un classico della commedia come «Due figli di…», Anne Hathaway interpreta una truffatrice che mira agli uomini ricchi. In tutta sincerità, l'attrice ammette che anche a lei piace imbrogliare.

«Attenti a quelle due» è stato girato in parte a Maiorca. Com'è stato per lei?

È stato meraviglioso! Ho usato le mie miglia per prenotare un volo per Maiorca ai miei genitori, che hanno portato con loro mio figlio. Per me è stato fantastico. Mio padre aveva sempre voluto vedere le grotte della baia di Maiorca. Ho quindi deciso di regalare una piccola soddisfazione a me e alla mia famiglia, così ho affittato una barca per quattro ore. È stato meraviglioso vedere l'isola così, divertirsi in acqua e nuotare insieme nelle grotte.

In «Attenti a quelle due» ha lavorato per la prima volta Rebel Wilson. Che cosa l'ha stupita di lei?

La sua timidezza. Lo so, sembra quasi incredibile. Ma quando l'ho incontrata per la prima volta, mi sono stupita di quanto sia in realtà calma e riservata. Ero impaziente di conoscerla meglio. Ha grande talento e oltre a fare l'attrice ha anche studiato diritto.

Per interpretare il ruolo di una ladra, nel film lei parla anche un po' di tedesco.

Sì, ma mi ricordo soltanto «Danke» («grazie»). Quando non sapevo più cosa fare con le battute in tedesco, dicevo «fantastisch» («fantastico»). (ride)

Qual è stato il suo più grande imbroglio?

Di recente sono stata invitata ad un talk-show. Ho convinto il pubblico di aver scoperto un'antica cura a base di agrumi chiamata «Clementime», una pratica che consiste nel ritagliarsi ogni giorno un po' di tempo per sbucciare una clementina con la quale fare particolari esercizi di respirazione, un'inspirazione e un'espirazione rumorose. Ho invitato gli spettatori a partecipare inspirando ed espirando rumorosamente. Dopodiché ho chiesto loro se si sentivano più riposati e rilassati. In effetti hanno tutti risposto di sì. (ride) In seguito ho svelato di essermi inventata l'intera storia. Volevo semplicemente dimostrare loro che non bisogna credere, acquistare o fare qualcosa solo perché è una celebrità a dirlo. (ride) E questo è stato il mio più grande imbroglio. Ma penso che abbia avuto effetti positivi, quanto meno per quelle 400 persone che hanno imparato a non fidarsi ciecamente di chiunque.

Le è già capitato di imbrogliare per ottenere una parte?

Sì, spesso. Penso che tutti gli attori lo facciano. Finché ho due settimane prima dell’inizio delle riprese, posso imparare di tutto. In fondo, esiste YouTube, dal quale si possono apprendere molte cose. (ride)

Lei recita spesso nelle commedie. Si tratta del suo genere preferito?

Mi piace recitare in film che scaldano il cuore della gente. La vita può essere così difficile e prendere direzioni inattese anche nella peggiore delle situazioni. Ecco perché è bello sapere che gli spettatori si sentono al caldo e al sicuro per quei 90 minuti. Ho degli ammiratori che, per esempio, sono rimasti a lungo in ospedale e mi hanno ringraziato per i miei film che li hanno aiutati a rischiarare quei tristi giorni. Non possiamo salvare vite con le nostre commedie, ma possiamo riscaldare il cuore di una persona che si sta aggrappando alla vita.

Lei è ambasciatrice dell’ONU ed è impegnata a favore del benessere e dei diritti delle donne. Perché è così importante per lei?

È così che sono stata cresciuta. I miei genitori mi hanno sempre detto che non c'è niente che non possa fare a causa del mio sesso. Mi hanno trasmesso l'idea che quando entro in una stanza, valgo esattamente quanto le altre persone presenti. In seguito, una volta divenuta abbastanza grande per girare il mondo, sono rimasta scioccata di quanto la realtà possa essere diversa.

Cosa intende esattamente?

Tutti parlano di uguaglianza dei diritti, anche ad Hollywood, ma nessuno segue realmente questo principio. Ciò diventa particolarmente evidente quando si consultano le cifre. Nel migliore dei casi, una donna negli Stati Uniti guadagna il 78% di ciò che guadagna un uomo. Per le donne dell'America latina, questa proporzione è soltanto del 56%. Tutto ciò deve cambiare! Non importa il colore della pelle. Noi, le donne, rappresentiamo la metà del mondo. All'epoca mi resi conto che nulla potrà mai cambiare finché ciascuno non farà la propria parte. Ed è esattamente ciò che sto facendo.

I suoi genitori le hanno dato altri consigli?

Mi dicevano sempre: concentrati su te stessa! Mettiti i paraocchi e non guardare né a destra né a sinistra! Traccia il tuo cammino e non pensare ad altro!

C'è un giorno nella sua vita che non dimenticherà mai?

Ce ne sono diversi, ma dal punto di vista professionale, è il 3 agosto 2001. Si tratta del giorno in cui uscì «Pretty Princess». Quel giorno ha cambiato la mia vita. Tutti gli anni, in questa data, rendo grazie all'universo. Quel giorno i miei sogni sono diventati realtà!

L'intervista a Anne Hathaway è stata realizzata da «teleschau».

Tornare alla home page

Altri articoli