covermedia-it

Beastie Boys: incasso stellare per i cimeli della band

Covermedia

6.2.2021 - 09:36

Adam Horovitz and Michael Diamond
Adam Horovitz and Michael Diamond

I fondi raccolti andranno a beneficio di Good Eats, per fornire pasti ai bambini bisognosi di New York.

(Cover) – IT Showbiz – Mike D ha raccolto migliaia di dollari in beneficenza con la vendita dei vecchi cimeli dei Beastie Boys.

L'hitmaker di «No Sleep Till Brooklyn», vero nome Michael Diamond, ha recentemente rivelato che sua madre Hester era solita tenere da parte tutti i suoi riconoscimenti collezionati durante la carriera. Ma dopo la sua morte avvenuta l'anno scorso, il musicista ha deciso di mettere all'asta gli oggetti: tra cui targhe di platino e due MTV Video Music Awards vinti per Intergalactic e Sabotage.

I fondi raccolti andranno a beneficio di Good Eats, per fornire pasti ai bambini bisognosi nella sua nativa New York.

La scorsa settimana, avvertendo i fan della notizia, Mike D ha condiviso una foto su Instagram di MTV Moonman – targa guadagnata nel 1999 come miglior video hip-hop – spiegando: «Non mi sono mai sentito a mio agio nel guardare questi premi e riconoscimenti che abbiamo ricevuto attraverso gli anni. Non fraintendermi: li apprezzo, semplicemente non è qualcosa che amo guardare. Ad ogni modo, quando li ricevevo ero solito darli a mia madre. Purtroppo è morta lo scorso anno. Era una donna straordinaria, ma questa è tutta un'altra storia», commenta Mike D sui social.

«Quindi, ora stiamo vendendo alcune delle cose che aveva... So che sono ca**ate costose, e forse non interesserà a nessuno o pochi. E va bene. Ma tutti i soldi andranno a @goodeatsorg, un fantastico ente di beneficenza che distribuisce cibo ai bambini bisognosi a New York e non solo».

La svendita di Sotheby's è avvenuta online venerdì 29 gennaio 21.

Fra i cimeli dei Beastie Boys anche gli MTV VMA, venduti per 18mila 800 euro, e un premio presentato a Diamond per l'album del 2004 «To the Five Boroughs», che è andato sotto il martello per 12mila 600 euro .

Anche le targhe d'oro e di platino per l'uscita di «Paul’s Boutique» del 1989 sono state un lotto caldo, rispettivamente da 17mila 800 euro e 18mila 900 euro.

Cover Media

Tornare alla home page

Covermedia