Spettacolo

Brad Pitt rigetta le accuse contro la sua fondazione benefica

CoverMedia

21.11.2018 - 13:11

La charity dell’attore è accusata di aver ricostruito case con gravi problemi strutturali, in seguito alla devastazione dell'Uragano Katrina.

Brad Pitt sta provando a smontare la causa intenta contro la sua The Make It Right Foundation, la charity da lui fondata nel 2005 per aiutare le popolazioni della Louisiana colpite dall’Uragano Katrina.

Con la sua organizzazione non-profit, l’attore hollywoodiano si era impegnato ad aiutare i residenti e a ricostruire le migliaia di case distrutte dalla calamità naturale.

A distanza di 13 anni, molte persone del luogo hanno preso parte a una class action contro la fondazione di Pitt, che, secondo la loro testimonianza, avrebbe consegnato loro delle case con gravi problemi strutturali.

In settimana, Brad ha firmato le carte legali, ottenute puntualmente dal The Blast, in cui ha dichiarato come la costruzione delle abitazioni non rientrasse tra le sue responsabilità.

Ha inoltre sottolineato che l'iniziativa benefica è stata avviata «con la missione di costruire case ad alte prestazioni, progettate in modo sostenibile e da vendere a prezzi accessibili ai residenti del Lower Ninth Ward, in seguito alla devastazione dell'Uragano Katrina».

Il 54enne ha inoltre dichiarato di aver ricevuto attestati di stima e gratitudine da chi oggi lo accusa, per aver contribuito a ricostruire la Lower Ninth Ward.

Il documento recita: «Il signor Pitt non può semplicemente essere considerato al pari di altri imputati e ritenuto responsabile di cattiva condotta per qualcosa a cui non ha nemmeno partecipato».

Le case, secondo quanto riferito dagli abitanti, avrebbero problemi strutturali, di idraulica e di ventilazione, oltre a presentare muffa e legno marcio.

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia