Catherine Deneuve: arrivano le scuse

CoverMedia

15.1.2018 - 13:12

Covermedia

L’attrice ritratta parzialmente quanto affermato nella lettera apparsa su Le Monde: «Non ho mai difeso la violenza».

Catherine Deneuve si è scusata pubblicamente dopo l’uscita della scorsa settimana.

L’attrice francese, puntando il dito contro il movimento #MeToo, aveva difeso «la libertà degli uomini di importunare le donne», scatenando un acceso dibattito.

La star 74enne ha parzialmente ritrattato la sua tesi con una lettera aperta e pubblicata sul sito del quotidiano francese Liberation: «Sono una donna libera e rimarrò tale. Rendo onore alle donne vittime di odiosi atti di violenza e che si sono sentite offese dalla lettera per Le Monde. È a loro, e solamente a loro, che vanno le mie scuse».

Catherine ha spiegato di aver firmato la lettera per opporsi al «linciaggio» e alla caccia alle streghe in atto negli ambienti cinematografici, da quando a Hollywood è scoppiato il caso Weinstein.

«Questo clima di censura mi lascia senza parole e sono preoccupata per il futuro delle nostre società», ha aggiunto.

Pur senza far nomi, Catherine si è scagliata contro alcune donne che hanno firmato la petizione contro #MeToo, strumentalizzando il messaggio della lettera.

È probabile che l’attrice si riferisca all’infelice uscita dell’ex presentatrice radiofonica Brigitte Lahaie, che ha dichiarato come alcune donne traggano piacere dalle violenze sessuali.

«È chiaro che il testo affermi che la violenza non porti mai a nulla di buono, altrimenti non lo avrei firmato», ha detto la Deneuve.

Tornare alla home page

CoverMedia