Enrique Iglesias fa causa alla Universal

CoverMedia

25.1.2018 - 11:13

Covermedia

Il cantante lamenta un mancato pagamento delle royalties per lo streaming della sua musica.

Enrique Iglesias è pronto a trascinare in tribunale la Universal Music Group, sua ex etichetta discografica.

Secondo il cantante spagnolo, il colosso della discografia è reo di non avergli pagato le royalties che gli spettavano per la messa in streaming del suo catalogo musicale, facendogli così perdere milioni e milioni di dollari.

La denuncia è stata firmata e depositata presso la corte federale di Miami, ieri 24 gennaio. Ora i legali di Iglesias chiedono un cospicuo risarcimento per i mancati pagamenti precedenti.

«Poche collaborazioni lavorative nella storia dell’industria discografica hanno raggiunto un successo commerciale come quello tra Enrique Iglesias e la Universal: 100 milioni di album venduti, miliardi di visualizzazioni e continue presenze nella chart di Billboard», si legge in un comunicato diffuso dal legale della popstar, James Sammataro, e ottenuto da Billboard. «Nonostante ciò, la Universal insiste, sbagliando, che artisti come Enrique siano pagati per lo streaming nello stesso modo in cui vengono pagati per le vendite degli album fisici. Ma i costi relativi agli album fisici (produzione, distribuzione, scorte, perdite) in realtà non esistono nel mondo digitale. E questo non è ciò che il contratto di Enrique, o i contratti di molti altri artisti, richiede. Universal ha a lungo ignorato, e ora sta cercando di distorcere, i termini dei suoi accordi artistici in modo da tenersi i ricavi degli streaming digitali».

Dopo una partnership lunga 15 anni, Enrique ha lasciato la Universal in favore della Sony nel 2015.

Tornare alla home page

CoverMedia