Ginevra Elkann: «la mia sfida da regista»

ANSA

7.8.2019 - 18:30

«Magari», storia autobiografica di tre figli di genitori separati, diretta da Ginevra Elkann, al suo esordio alla regia, apre la 72° edizione del Locarno Film Festival. 

«È stata una grande sfida, una bellissima avventura, è il mestiere che voglio fare da quando avevo 14 anni e finalmente ce l'ho fatta ora che ne ho quasi 40».

Sono le parole di una Ginevra Elkann profondamente soddisfatta che presenta il suo primo film, «Magari», con Riccardo Scamarcio e Alba Rohrwacher, in uscita in Italia nel marzo del 2020. 

La nipote di Gianni Agnelli ha raccontato – con mano delicata e ispirata – la storia di tre figli di genitori separati, Alma (la più piccola, quasi una voce narrante), Jean e Sebastiano che vivono a Parigi con la madre dalla fede russo-ortodossa.

Costretti a un periodo di vacanza per le feste natalizie, i tre fratelli lo trascorrono in una villetta a Sabaudia via Roma insieme al padre (Scamarcio), sceneggiatore scombinato con una nuova ennesima compagna (Rohrwacher).

Ne emergono sofferenze e profonde incomprensioni, soprattutto per la bambina che più di tutti desidera la ricostituzione della famiglia, ma il tema centrale è sempre l'amore.

Locarno Film Festival 2019

Tornare alla home page

ANSA