50 Cent: «Ho preferito avere problemi coi bulli che con mia madre»

Di Fabian Tschamper

26.9.2021

In passato sul palco, ora sugli schermi di tutto il mondo: in un'intervista a «blue News», il 46enne Curtis Jackson spiega la sua idea per la serie «Power», il suo amore infinito per l'hip-hop degli anni '90 e quale errore ha fatto all'inizio della sua carriera.

Di Fabian Tschamper

26.9.2021

Curtis Jackson per molti non è un nome familiare. Lo pseudonimo è: 50 Cent. Il rapper è stato uno dei più grandi artisti del mondo dal 2003 al 2009.

Oltre alla sua musica, Jackson ha partecipato ripetutamente a progetti cinematografici e televisivi. «Power» (2014-2020) è la prima serie in cui ha recitato come attore e produttore.

Il successo delle sei stagioni viene ora esteso con altri spin-off nello stesso universo. Verranno creati sotto il nome di «Power Book». La terza parte, «Raising Kanan», riguarda il personaggio interpretato da Curtis Jackson e la sua infanzia e gioventù.

La serie «Power» oggi contiene un intero universo che lei ha creato. Come è iniziato questo viaggio?

È stata una mia idea! In quel periodo ho incontrato il produttore di «300», «Bad Boys» e molti altri grandi progetti. La mia visione era di creare un'opera simile al dramma criminale «Super Fly» (1972). Curtis Mayfield creò allora una colonna sonora che considero ancora la migliore mai realizzata per un film.

Cosa ha reso la musica di «Super Fly» per lei così speciale?

La fusione di musica e immagine. All'epoca c'era Curtis Mayfield che cantava quello che provava un personaggio del film. Volevo creare qualcosa di simile.

«Super Fly» è un film che appartiene alla generazione detta blaxploitation, il cui periodo d'oro è stato negli anni '70. Come si è tradotto questo concetto negli anni '90, dove «Raising Kanan» è ambientato?

Quella era l'epoca d'oro dell'hip-hop. Mi sono innamorato di questa musica in quel momento. Quando LL Cool J o Run DMC maledicevano la gente con il loro tono aggressivo, lo sentivi! Con quale convinzione l'hanno fatto. Raccontavano storie forti, nessuno lo aveva mai fatto prima.

E l'hip-hop non faceva ancora parte della programmazione standard delle stazioni radiofoniche di allora...

Al massimo, questa musica era trasmessa alla radio per un'ora. All'epoca mia madre registrava i sermoni della chiesa per riascoltarli a casa. Ho fatto lo stesso con l'ora di hip-hop. Lo storytelling e la musica si sono fusi nel genere per la prima volta negli anni '90.

Il nuovo spin-off «Raising Kanan» ruota attorno alla carriera del suo personaggio, Kanan. Come lei, è cresciuto nel Queens, New York. La sua storia è interamente inventata?

No, c'è, tra le altre cose, una scena in cui viene picchiato da altri bambini e corre a casa. E sua madre gli dice: «Hai lasciato che prendessero i tuoi soldi?» Mi è successo davvero, avevo circa otto anni, credo.

Non proprio una bella esperienza...

Avevo più paura di mia madre che degli altri bambini. Potevo evitare gli altri ragazzi, mentre mia madre era sempre lì. Non le piaceva che io venissi comandato a bacchetta ed era delusa dal fatto che io lo sopportassi. Così sono tornato al parco e ho fatto quello che doveva essere fatto. Preferivo avere problemi con i bulli che con mia madre.

Ha trascorso infanzia e adolescenza nel Queens. Quanto è accurata la rappresentazione del quartiere nella serie?

Molto precisa! Ho avuto molta nostalgia. La musica, i vestiti, persino i capelli. Mi sono sentito davvero trasportato indietro negli anni '90. Lo showrunner ha preso a cuore quello che ho detto.

Lei è attivamente coinvolto nel mondo del cinema da quasi 20 anni. Come musicista che ha trovato la sua strada nel cinema cosa le sarebbe piaciuto sapere sull'industria prima del suo debutto?

Ho imparato una lezione estremamente importante con il mio primo film «Get Rich or Die Tryin». Allora avevo la stessa squadra di Eminem con il suo film «8 Mile». Ma ha avuto molto più successo del mio. Uno dei motivi è stato il poster: rappresenta il gruppo target, che guarderà il film.

Cosa vuol dire con questo?

Per esempio: in «American Gangster», Denzel Washington e Russell Crowe erano alla pari nel poster, il peso dei personaggi è uguale. Ma il film riguarda lo stile di vita di Frank Lucas (Washington), si vede molto più Denzel che Russell Crowe.

Cosa è andato storto nel marketing di «Get Rich or Die Tryin»?

Ero sui manifesti con un bambino, ero un protettore. Ho pensato che fosse figo, ma retrospettivamente ho dovuto rendermi conto che ha dato alla gente l'immagine che fosse un film su un gangster nero. Questo ha limitato la nostra portata ai cinema urbani. Così abbiamo perso più della metà delle sale.

Il successo della sua musica non ha potuto aiutarla a raggiungere l'obiettivo?

Sì, è questo il punto. La mia musica non è stata acquistata solo nelle aree urbane. Le persone in tutte le fasi della vita, indipendentemente dal loro status sociale, l'hanno ascoltata. Il marketing del film semplicemente non era buono. Oggi nei mie progetti lo curo con molta attenzione. Con «Power» non ci siamo riusciti al meglio fino alla quarta stagione. Per questo durante le prime stagioni ho continuato a urlare contro il team del marketing (ride).