Spettacolo

House of Cards: il cast accusa di razzismo una conduttrice

CoverMedia

25.10.2018 - 13:11

Source: Covermedia

Gli attori della serie si son rifiutati di presentare la nuova stagione al programma di Megyn Kelly, che ha affermato: «Vestirsi da neri? Sì, ma solo ad Halloween».

Il cast di House of Cards ha scelto di prendere le distanze dai commenti razzisti della conduttrice americana Megyn Kelly.

Gli attori della serie Netflix avrebbero dovuto presentare la sesta e ultima stagione dello show durante il Megyn Kelly Today, ma hanno preferito dare forfait in seguito alle controverse dichiarazioni della presentatrice, che, durante il suo programma, ha affermato come sia ammissibile indossare una «faccia nera», finché si tratti di un costume di Halloween.

Sotto shock per le gravi affermazioni, il cast di House of Cards, in accordo con Netflix, ha deciso di non recarsi nello studio della Kelly in segno di protesta.

Non è dato sapere quali attori avrebbero dovuto prendere parte allo show, ma è probabile che si trattasse dei protagonisti Robin Wright e Michael Kelly e degli showrunner Melissa James Gibson e Frank Pugliese, che al momento si trovano a New York per il tour promozionale.

Kelly è finita nell’occhio del ciclone per aver affermato: «Cosa è un razzista? Potresti metterti nei casini se sei una persona bianca che indossa una faccia nera ad Halloween o una persona nera che indossa una faccia bianca ad Halloween. Quando ero bambina, era lecito indossare una faccia nera, ma solo perché si trattava di un personaggio».

La 47enne si è scusata con un comunicato: «Sono Megyn Kelly e voglio dire soltanto due parole: Mi dispiace. A volte parlo e a volte ascolto, ieri ho imparato. Ho imparato che la storia delle facce nere è stata utilizzata in accezioni orribili da parte dei razzisti di questo paese. Non è ammissibile indossare un costume del genere, che si tratti o meno di Halloween».

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia