Il Polesine, luogo unico per neorealismo

ANSA

22.3.2018 - 13:59

Mostra a Rovigo su 80 anni rapporto tra Delta Po e settima arte

VENEZIA, 22 MAR - Una pianura senza ombra fatta d'acqua e terra dove il grande fiume, il Po, si confonde con il mare, dove lo spazio sembra colto in un'immagine, in un istante che si dilata immutabile e affascinante nel tempo. Quasi 20 mila ettari di Delta, in gran parte in terra rodigina, che il cinema dagli anni '40 ha eletto a set, ora in chiave neorealista, come per un episodio di "Paisà" di Roberto Rossellini, ora quale "fondale" per storie horror, per Pupi Avati, o ambientate altrove, come il fiume che diventa moscovita per "Guerra e Pace" di King Vidor.

Alberto Barbera, in una mostra che si apre il 24 marzo a Palazzo Roverella, a Rovigo, fino al primo luglio, "Cinema! Storie, protagonisti, paesaggi", ha scandagliato il rapporto "profondo, intenso, originale" che in quasi 80 anni si è creato tra un territorio di fatto unico e i cineasti italiani.

Un incontro che ha dato vita "a opere indimenticabili destinate a rimanere nella storia del cinema", dice all'ANSA Barbera.

Tornare alla home page

ANSA