Sì, ABBA

Il ritorno più atteso e più indesiderato di tutti i tempi

Di Bruno Bötschi

1.9.2021

Björn Ulvaeus, Agnetha Faltskog, Frida Lyngstad, Benny Andersson, alias gli Abba, hanno una sorpresa in serbo per i loro fan.
Björn Ulvaeus, Agnetha Faltskog, Frida Lyngstad, Benny Andersson, alias gli Abba, hanno una sorpresa in serbo per i loro fan.
Redferns/Getty Images

Un annuncio misterioso ha mandato in questi giorni in fibrillazione i fan di tutto il mondo degli Abba. Il loro potrebbe infatti essere il ritorno più atteso dell'industria musicale. Purtroppo.

Di Bruno Bötschi

1.9.2021

Fra qualche ora, infatti, si romperà un'aura che si è costruita nella storia della musica negli ultimi 39 anni. Un'aura che faceva parte della leggenda del quartetto pop più dotato e di successo del nostro tempo.

Gli Abba, il leggendario gruppo musicale svedese, hanno infatti annunciato una grande sorpresa per i loro fan. Un tweet, chiamato AbbaVoyage, è spuntato sul social in questi giorni, indicando un sito web con lo stesso nome, sul quale c'è scritto: «L'attesa è quasi finita». La data? 2 settembre 2021.

Ma prima che l'aura venga distrutta, diamo un breve sguardo retrospettivo a una carriera musicale di incredibile successo. 

All'inizio un declino

La band, composta dalle due coppie Agnetha e Björn e da Anni-Frid e Benny, ha raggiunto il successo mondiale all'Eurovision Song Contest del 1974 con «Waterloo». La canzone, che parla di una ragazza che si «arrende» ad amare un ragazzo, allo stesso modo di Napoleone in battaglia, divenne un trionfo.

Poco dopo però le cose sembrano già sulla via del declino. Gli Abba erano minacciati da ciò che accade alla maggior parte dei vincitori del celebre concorso canoro europeo: sono meraviglie da una hit e vengono rapidamente dimenticati.

Perché la carriera mondiale 18 mesi dopo è esplosa? La colpa è degli australiani e della canzone «Mamma Mia». Inizialmente viene pubblicata solo come singolo in Down Under, dove ha raggiunto la prima posizione il 3 novembre 1975. La canzone è rimasta ai vertici per dieci settimane e ha innescato una vera e propria «Abbamania» dall'altra parte del mondo.

Dagli otto album in studio - da «Ring Ring» (1973) a «The Visitors» (1981) - uscirono vari singoli al numero uno: «Waterloo», «S.O.S.», «Mamma Mia», «Fernando», «Dancing Queen», «Money, Money, Money», «Knowing Me, Knowing You», «Super Trouper» e «One Of Us». Il disco di maggior successo è il best-of «Abba Gold». In totale, gli Abba hanno venduto circa 380 milioni di album in tutto il mondo.

L'annuncio manda i fan in estasi

È il 24 dicembre 1980 e l'autore di queste righe ha 14 anni, sta davanti all'albero di Natale e sorride beatamente: nelle sue mani tiene «Super Trouper», il nuovo disco degli Abba. Gli svedesi facevano una musica che anche i miei genitori canticchiavano.

È il 27 aprile 2018: gli Abba hanno annunciato nuove canzoni. Un mini-comeback dopo tre decenni e mezzo che i fan di tutto il mondo speravano da tempo. Il solo annuncio manda i fan in estasi.

È il 20 novembre 2019 e l'autore di queste righe sta partecipando alla festa di compleanno di un buon amico con altri tre soci. Il tema della serata: le star della nostra gioventù. Ci siamo vestiti da Abba.

L'autore di queste righe (secondo da sinistra) si è esibito come Abba con gli amici a una festa di compleanno due anni fa.
L'autore di queste righe (secondo da sinistra) si è esibito come Abba con gli amici a una festa di compleanno due anni fa.
zVg

È il 1° settembre 2021: l'autore di queste righe è seduto e guarda il suo cellulare, scorre TikTok e si rende conto che molti video hanno a che fare con gli Abba.

Ci sono tre ragioni per questo: 1. la band rende disponibile tutto il suo catalogo musicale su TikTok. 2. Agnetha Fältskog, Anni-Frid Lyngstad, Björn Ulvaeus e Benny Andersson aprono il loro canale. 3. gli svedesi sono la band più cercata su TikTok.

Non si sono mai ritirati veramente

Così la popolarità degli Abba rimane apparentemente ancora ininterrotta 39 anni dopo il loro scioglimento.

Prendersi del tempo libero. È ciò di cui il quartetto ha parlato quando ha annunciato la fine della collaborazione nel 1982. 39 anni dopo, i fan stanno ancora aspettando che Agnetha, Björn, Benny e Anni-Frid appaiano di nuovo insieme sul palco.

E poi finalmente un barlume di speranza la settimana scorsa: AbbaVoyage.

La BBC ha citato lo stesso giorno un'intervista con il cofondatore degli Abba Björn Ulvaeus, che ha parlato di piani per riportare gli Abba sul palco con uno spettacolo di ologrammi come una sorta di avatar digitali. L'annuncio non è però nuovo. I piani sono stati rimandati più e più volte ultimamente a causa della pandemia di Covid-19.

L'aura è rotta

Mentre Agnetha e Anni-Frid sono rimaste in gran parte discrete e lontane dai media nel frattempo, Björn e Benny continuano a essere coinvolti nell'industria musicale. Con «Chess», i due hanno messo in scena un musical nel West End di Londra nel 1986, che è probabilmente meglio ricordato per la canzone «One Night in Bangkok».

Fu seguito nel 1999 dal musical di successo «Mamma Mia!», nella cui realizzazione i due furono coinvolti e che divenne la base per il film omonimo e il suo seguito.

Il gruppo pop svedese Abba durante un'apparizione al programma televisivo tedesco «Am laufenden Band».
Il gruppo pop svedese Abba durante un'apparizione al programma televisivo tedesco «Am laufenden Band».
Schilling/dpa

Quasi nessuno crede che i quattro musicisti, che ora hanno tutti più di 70 anni, possano tornare sul palco per AbbaVoyage.

Tuttavia, i fan possono sperare in nuova musica. Tre anni fa, la band ha annunciato che avrebbe pubblicato nuove canzoni. All'inizio si parlava solo di due singoli con i titoli «I Still Have Faith In You» e «Don't Shut Me Down». Ora ce ne saranno ben cinque, che usciranno quest'anno, come ha confermato Ulvaeus in un'intervista alla BBC.

Sembrava che all'epoca fossero in studio di registrazione e si fossero divertiti molto, ha detto entusiasta. Il fatto che le canzoni non siano state pubblicate molto tempo fa è probabilmente dovuto anche alla pandemia.

Il «The Times» ha ipotizzato che potrebbe anche essere un intero album.

Quali sono state le reazioni al tanto atteso quasi ritorno? Da euforiche a miste. «Gli Abba hanno finito gli spiccioli?», ha scherzato Boy George su Twitter quando le nuove canzoni sono state annunciate per la prima volta tre anni fa.

Non importa cosa avverrà tra qualche ora, l'aura degli Abba non tornerà mai più e sarà spezzata una volta per tutte.

Ed è un peccato. Comunque.