Faide nel cinema

Joe e Anthony Russo: «Come Disney ha trattato Scarlett Johansson? Inquietante»

Covermedia

28.5.2022 - 13:00

Black Widow

I fratelli registi considerano l'episodio come parte di una tendenza in crescita, in cui gli studios attribuiscono più importanza alla proprietà intellettuale (IP) che alle star del cinema.

Covermedia

28.5.2022 - 13:00

Joe e Anthony Russo sono rimasti turbati da come la Disney ha gestito la faida legale contro Scarlett Johansson.

L'episodio risale allo scorso luglio, quando è stato distribuito il film «Black Widow» nelle sale e in streaming: lo stesso giorno, l'attrice ha citato in giudizio la Disney per violazione del contratto. Nella sua dichiarazione, Scarlett affermava che la sua retribuzione, legata al lordo al botteghino, è stata influenzata negativamente dal rilascio simultaneo in streaming.

I funzionari della Disney e il team di Johansson sono quindi entrati in guerra riguardo la sua azione legale. E i dirigenti dello studio l'hanno accusata di avere un «insensibile disprezzo» per l'impatto della pandemia, tuttavia, la questione è stata risolta in via extragiudiziale a ottobre.

Sulla questione, i fratelli Russo, che hanno diretto la Johansson nei panni di «Black Widow» in quattro film Marvel – tra cui «Avengers: Endgame» -, hanno dichiarato in un'intervista a Den of Greek di essere «scoraggiati dalla disputa».

«Quello, davvero, non è stato un modo appropriato per gestire la situazione. Per noi artisti è stato inquietante. Scarlett è una nostra buona amica e siamo rimasti scoraggiati da come è stata gestita la faccenda. Siamo contenti che si sia risolto», ha detto Joe.

«Una tendenza in crescita»

Il regista aggiunge di vedere l'incidente di «Black Widow» come parte di una tendenza in crescita, in cui gli studios attribuiscono più importanza alla proprietà intellettuale (IP) che alle star del cinema.

«Le aziende tecnologiche come Netflix, Apple e Amazon hanno tasche molto più profonde rispetto agli studi, e possono pagare di più e questo sta iniziando a spaventare», spiega Joe.

«Quindi gli studio stanno avendo una reazione conservatrice e stanno cercando di minimizzare il loro bisogno di star. Stanno cercando di costringere la proprietà intellettuale a essere la loro star. E in base a ciò, stanno anche cercando di sottopagare e diminuire il bisogno di stelle nei loro progetti».

Covermedia