Depp vs Heard

Johnny Depp, lo sfogo della legale: «Io e lui insieme? È sessismo»

Covermedia

10.6.2022 - 09:40

Actor Johnny Depp hugs attorney Camille Vasquez in the courtroom at the Fairfax County Circuit Courthouse in Fairfax, Va., Tuesday, May 17, 2022. Actor Johnny Depp sued his ex-wife Amber Heard for libel in Fairfax County Circuit Court after she wrote an op-ed piece in The Washington Post in 2018 referring to herself as a
I numerosi abbracci di Camille Vasquez a Johnny Depp durante il processo che l'attore ha vinto contro la sua ex moglie Amber Heard, hanno suscitato dei pettegolezzi. L'avvocata ha spiegato cosÌ il suo comportamento: «Ho discendenze cubane e colombiane. Sono una donna molto fisica. Cosa volete che vi dica?».
KEYSTONE

Camille Vasquez risponde alle voci di un presunto flirt con l’attore, che ha rappresentato nella battaglia legale contro Amber Heard.

Covermedia

10.6.2022 - 09:40

Camille Vasquez bolla come «sessiste» le voci di una presunta liaison con Johnny Depp.

Parlando con People in un’intervista pubblicata il 9 giugno, la legale si è detta molto amareggiata per i rumors attorno a lei e il suo famoso cliente, che ha rappresentato nella causa contro Amber Heard.

«Mi prendo molta cura dei miei clienti e ovviamente ci si avvicina. Ma quando dico «noi», intendo l’intero team legale e questo include anche Johnny», ha dichiarato l’avvocato.

Vasquez ha aggiunto che lei e Johnny sono amici, conoscendosi da quattro anni e mezzo.

Sulle voci del presunto flirt, Camille ha aggiunto: «È sessismo. È inopportuno e avvilente, ma è una conseguenza. Non posso dire di essere rimasta totalmente sorpresa».

A chi le ha fatto notare di essersi più volte avvicinata a Depp durante le udienze, Vasquez ha tagliato corto: «Ho discendenze cubane e colombiane. Sono una donna molto fisica. Cosa volete che vi dica?».

«Abbraccio tutti. E non me ne vergogno».

«Quell’uomo stava lottando per la sua vita e mi si spezzava il cuore nel vederlo ogni giorno seduto lì ad ascoltare le illazioni più orrende contro lui. E se potevo dare un po’ di conforto, ovviamente lo davo. Sia che si trattava di stringergli la mano o ricordagli che noi eravamo lì per lui a lottare per lui, perché se lo meritava».

Covermedia