Spettacolo

Kim Kardashian, le nozze: sotto effetto di ecstasy

CoverMedia

26.11.2018 - 11:11

La socialite ha ingerito le pasticche prima di salire sull’altare con il marito Damon Thomas.

Kim Kardashian si è sposata in prime nozze sotto l’effetto di droghe.

In occasione del matrimonio con Damon Thomas, risalente al 2000, la star, che all’epoca aveva appena 19 anni, assunse alcune pasticche di ecstasy poco prima di andare all’altare con il produttore musicale.

La rivelazione shock è giunta al reality show Al Passo con i Kardashian, durante una chiacchierata tra Kim, la sorella Kendall Jenner e l’ex compagno della sorella Kourtney Kardashian, Scott Disick.

Il matrimonio tra la Kardashian, ora felicemente sposata con Kanye West, e Damon è terminato nel 2003.

La socialite ha inoltre assunto droghe anche durante le riprese del sex-tape con l’ex fidanzato Ray J, nel 2003.

«Mi sono fatta di ecstasy una volta. Quando mi sono sposata. Poi l’ho rifatto e ho girato un sex-tape. Penso che peggio di così non mi sarebbe potuta andare!», ha dichiarato.

«Eri veramente fatta di ecstasy quando hai fatto il sex tape?», ha chiesto Scott. «Assolutamente! Tutti lo sanno. Si vede la mia mascella tremare per tutto il tempo», ha replicato la 38enne.

Dopo le sue ammissioni, Kim si è recata nel “confessionale” per commentare la reazione di Kendall, che era completamente all’oscuro di quanto rivelato dalla sorella.

«Kendall, sinceramente, non ne aveva idea. La tarda adolescenza è stata una fase molto sregolata della mia vita. Non sono più quella lì. Ma mi diverto ancora! Non prendetemi troppo sul serio, mi piace sempre andare alle feste!».

Come c’era da attendersi, Kim è stata molto criticata sui social network in seguito alle sue ammissioni.

«Che bella influenza sulle giovani ragazze che idolatrano @KimKardashian. Una che si droga e poi fa un sex tape. Ragazze, questo è il modo in cui è diventata famosa. Un modello a cui far riferimento…», ha scritto un utente.

Meno severo il commento di un altro follower: «Grazie per essere trasparente come sempre».

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia