Lena Dunham: «Ho ancora problemi di salute dovuti al Covid-19»

CoverMedia

3.8.2020 - 11:09

The UK Premiere of 'Once Upon a Time... in Hollywood' held at the Odeon Luxe, Leicester Square - Arrivals Featuring: Lena Dunham Where: London, United Kingdom When: 30 Jul 2019 Credit: Mario Mitsis/WENN.com Featuring: Lena Dunham Where: London, United Kingdom When: 30 Jul 2019 Credit: Mario Mitsis/WENN.com
Source: Mario Mitsis/WENN.com

Il virus ha lasciato dolorosi strascichi alla star, che ha contratto la malattia a marzo.

Lena Dunham continua ad avere problemi di salute legati al Covid-19.

La star di «Girls» ha contratto il virus a marzo, e - nonostante siano passati quasi cinque mesi dall’infezione -, non ha ancora recuperato appieno le forze.

«È iniziato tutto con dolori articolari, poi al dolore si è unito un forte senso di affaticamento. Poi la febbre, salita fino a 38.8», ha ricordato.

«Il mio corpo poi si è improvvisamente ribellato», ha aggiunto l’attrice che avuto gravi sintomi per circa tre settimane, trascorse in totale isolamento.

Durante la malattia, ha scritto la Dunham, «i nervi dei piedi sembrava stessero bruciando e i muscoli non facevano il loro lavoro. Non riuscivo a dormire, ma non riuscivo ad alzarmi. Ho perso il senso del gusto e dell’olfatto».

«Mi sentivo come una macchina senza più energia, con i fili tutti nelle prese sbagliate».

Lena, che soffre di vari problemi di salute, tra cui la sindrome di Ehlers-Danlos, una patologia rara che causa dolori articolari, non è mai stata ricoverata, ma ha ricevuto le cure domiciliari.

Risultata negativa al tampone di controllo, l’attrice continua ad avvertire sintomi come emicrania e gonfiore alle mani, che non aveva prima di contrarre il Covid-19.

«Sono una persona che soffre di patologie croniche, ma mai ero stata così», ha sottolineato Lena invitando le persone a non sottovalutare la malattia e a rispettare le regole del distanziamento sociale e a indossare la mascherina.

«Adottando le appropriate misure per proteggere voi e i vostri vicini, eviterete loro un mondo di dolore».

Tornare alla home page

CoverMedia