Maggie Gyllenhaal insicura all'idea di dirigere suo marito in scene di sesso

Covermedia

12.12.2021 - 13:10

Maggie Gyllenhaal

La regista stilò un elenco di nomi alternativi, ma si fermò, sapendo che Sarsgaard era la scelta giusta.

Covermedia

12.12.2021 - 13:10

Maggie Gyllenhaal ha avuto dei dubbi nel dirigere suo marito Peter Sarsgaard nelle scene di sesso di «The Lost Daughter».

Quando la star di «Batman Begins» ha fatto il casting per il suo debutto alla regia, ha subito sentito che l'attore – che ha sposato nel 2009 – sarebbe stato perfetto per il ruolo del professor Hardy.

Tuttavia, era meno entusiasta all'idea di dirigerlo in una scena di sesso con l'attrice di «A proposito di Rose», Jessie Buckley.

«Ho pensato tra me e me: «Voglio davvero creare quella situazione?"», ha ricordato Maggie Gyllenhaal al The Telegraph. «Dove mio marito interpreta l'oggetto del desiderio di questa brillante, bellissima giovane attrice?».

Gyllenhaal stilò un elenco di nomi alternativi per il professor Hardy, ma si fermò, sapendo che Sarsgaard era la scelta giusta.

«Siamo stati insieme 20 anni, attraverso ogni sorta di gioie e difficoltà, e sapevo che non c'era nessuno in grado di interpretare questo ruolo come lui», ha spiegato la 44enne. «Voglio dire, è irresistibile: che è esattamente ciò che il personaggio deve essere. Così mi sono detto che andrà tutto bene».

Il professor Hardy e il personaggio della Buckley, Leda, sono entrambi traduttori di poesie in soggezione l'uno dell'altro, e Gyllenhaal spiega che la loro scena di sesso «hot» «sembra proprio inevitabile».

«Forse questa è una cosa femminile – ha condiviso – . Ma se qualcuno capisce davvero come funziona il tuo cervello, fino alla molecola, non c'è niente di più sexy di quello».

«The Lost Daughter», con Olivia Colman nei panni di una versione anziana di Leda, debutta su Netflix il 31 dicembre.

Covermedia