Spettacolo

Mahmood sul razzismo: «Dopo Sanremo tanti insulti»

CoverMedia

21.3.2019 - 11:11

Source: Covermedia

Il cantante cresciuto in periferia di Milano, a Gratosoglio, commenta il periodo successivo alla vincita di Sanremo.

La vittoria intascata da Mahmood a Sanremo 2019 fa ancora discutere.

Fra la moltitudine di polemiche scatenate dal podio della kermesse, la più delicata e risonante, vede il cantante - nato da madre italiana e padre egiziano - come poco meritevole del premio intascato perché non italiano al 100 percento.

Argomento discusso dallo stesso Mahmood nell’ultima puntata del programma DiMartedì.

«Sono arrivato a 26 anni a Sanremo per sentirmi straniero», dice Alessandro Mahmood, in arte Mahmood, al conduttore Giovanni Floris.

«Non ho mai subito razzismo nella mia vita. Dopo la vittoria di Sanremo ho ricevuto commenti razzisti, solo dopo il Festival ho scoperto di essere straniero nel mio Paese».

Fra i primi a esprimere dubbio sulla sua vittoria il vice Premier Matteo Salvini, che aveva condiviso un inequivocabile messaggio via Twitter dichiarando di preferire la canzone di Ultimo.

«Matteo Salvini? Io credo che abbia semplicemente dato un giudizio di gusto», spiega il 26enne intervistato a La Confessione.

«Non voglio mai vedere il marcio nella gente, sempre il lato umano».

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia