Richard Gere attacca Salvini: «È un baby Trump»

CoverMedia

20.8.2019 - 13:16

Richard Gere
Source: C.Smith/WENN.com

L’attore critica l’operato del Ministro dell'Interno sulla gestione del caso Open Arms.

Non si placa la polemica a distanza tra Richard Gere e il Ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini.

Il divo di Hollywood ha recentemente aiutato i volontari della Open Arms, la nave ong ormai da settimane bloccata al largo delle coste di Lampedusa, con a bordo centinaia di migranti, tra cui donne e bambini.

Lo stallo è da attribuire al leader della Lega e al suo regime di tolleranza zero contro i flussi migratori provenienti dal Nordafrica.

Sulla complessa vicenda è intervenuto l’attore americano, non nuovo a impegni sociali e umanitari.

Le dichiarazioni al Corriere della Sera

«I problemi sono due. Il primo è immediato - ha dichiarato Gere a Il Corriere della Sera -. Ci sono persone che affogano in mare. L’altro riguarda coloro che scappano dalla guerra, dalle case in fiamme, cercando rifugio in Occidente. Poi scoprono che la legge va contro le loro aspettative e vengono rispediti nelle case che bruciano, da dove erano partiti».

Rispondendo al giornalista, che gli aveva chiesto se l’Italia debba sentirsi abbandonata, Richard ha risposto: «Sentite, è una sfida. Può essere risolta se ci si siede al tavolo e si discute con raziocinio e generosità. Non è un problema soltanto dell’Italia, ma della Spagna, della Grecia, di tutta Europa».

L'attacco a Salvini

Poi la stilettata a Salvini: «Se il vostro ministro spendesse del tempo con quelle persone, ascoltasse le loro storie, i loro traumi familiari, cambierebbe la sua visione. Lui fa di un’emergenza umana un caso politico. Ma è cattiva politica (…)».

E aggiunge: «Il ministro dell’Interno ha la stessa mentalità del presidente Trump. Infatti io Salvini lo chiamo Baby Trump. Usa la stessa ignoranza in senso radicale, fanno leva su paura e odio. Dobbiamo fermare Trump».

Matteo Salvini

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia