Thailandia: quando la concubina del re sostituisce la regina...

AllTheContent

19.1.2021 - 17:36

Il re di Thailandia Maha Vajiralongkorn.
Il re di Thailandia Maha Vajiralongkorn.
Keystone

Per celebrare l’anno nuovo, il re di Thailandia Vajiralongkorn - o Rama X – ha condiviso una cartolina d'auguri. Nella foto, la regina Suthida è assente. Il sovrano ha scelto di posare con la sua concubina ufficiale, Sineenat «Koi» Wongvajirapakdi. Una vera disgrazia per la sua sposa.

In Thailandia, le usanze sono diverse. Questa è la ragione per cui il re Vajiralongkorn ha una moglie, la regina Suthida, e una concubina ufficiale, Sineenat «Koi» Wongvajirapakdi. Quest’ultima è la favorita del re, al punto da aver preso il posto della regina sulla tradizionale cartolina d’auguri alla popolazione.

Questa cartolina si compone di piccoli disegni, realizzati dallo stesso re, e da quattro foto di lui e della sua concubina Sineenat «Koi» Wongvajirapakdi. Il monarca non ha aggiunto alcuna foto della moglie. Come sottolinea Andrew MacGregor Marshall, citato da «Gala», questo è «un altro segno chiaro che la regina è stata messa da parte».

Una regina, una concubina e una rivalità

Sono diversi mesi che il re della Thailandia si mostra con la sua concubina. Come ricorda «Gala», lo scorso novembre, sono state svelate alcune foto il cui contenuto può essere considerato sensibile. Questi documenti sessualmente espliciti mettono in scena la favorita del re, Sineenat «Koi» Wongvajirapakdi. Sempre secondo il giornalista Andrew MacGregor Marshall, che è specializzata nella famiglia reale thailandese, la regina Suthida sarebbe all’origine di questa fuga. Ovviamente, questa resta una voce di corridoio.

Un re capriccioso

Il re di Thailandia non è tenero con le donne che condividono la sua vita. Oltre ad andare da una o dall’altra a suo piacimento, non ha esitato a far incarcerare la sua concubina. Come riporta ancora Andrew MacGregor Marshall su Twitter: «La concubina di Vajiralongkorn, Sineenat «Koi» Wongvajirapakdi, ha trascorso dieci mesi nella prigione centrale femminile di Lat Yao dopo aver fatto arrabbiare il re».

La donna è stata scarcerata ad agosto. Tuttavia, a gennaio, è tornata in prigione, ma per altre ragioni. L’ex infermiera partecipa a un comitato chiamato «Buone azioni del Re» che punta a migliorare le condizioni di vita all’interno delle carceri. La concubina ufficiale del re è stata addirittura nominata vicepresidente del progetto, mentre sua moglie non è neppure stata invitata alle celebrazioni di fine anno.

Tornare alla home page