Timothée Chalamet racconta l’esperienza con Guadagnino

CoverMedia

5.3.2018 - 13:12

Source: Covermedia

«Chiamami col tuo nome» di Luca Guadagnino ha intascato l’Oscar 2018 per la Miglior Sceneggiatura Non Originale.

Timothée Chalamet è uno dei due interpreti di «Chiamami col tuo nome».

Il film di Luca Guadagnino che ha intascato l’Oscar 2018 per la Miglior Sceneggiatura Non Originale è ispirato dal romanzo di André Aciman e ambientato in una calda estate degli anni Ottanta: pellicola per cui il cineasta palermitano ha voluto assolutamente nei panni di Elio il 22enne newyorkese.

«Io e Luca ci eravamo incontrati qualche anno fa. Il marito del mio agente è uno dei produttori… Mi disse che mi aveva visto in “Homeland” e “Interstellar”. Mi ha poi confessato che, dopo aver pranzato con me, non aveva più dubbi: “Elio, il ragazzo del film, ero io”», ha dichiarato Timothée Chalamet ad Amica.

Fra le scene più coinvolgenti del film Timothée e Armie Harmmer si scambiano un primo bacio denso di passione e imbarazzo, carica emotiva raggiunta solo dopo «prove estenuanti».

«La prima scena che abbiamo girato insieme è quella in cui Elio e Oliver si rotolano sul prato… “making out”… come dire “limonando duro”. Abbiamo cominciato, ma Luca ci ha fermati chiedendoci più passione, quindi abbiamo ripreso, facendo prove su prove e continuando senza che nessuno ci desse lo stop… finché non ci siamo accorti che Luca se ne era andato via lasciandoci sul prato!».

Tornare alla home page

CoverMedia