Spettacolo

Tina Turner shock: «Ho pensato di suicidarmi»

CoverMedia

7.10.2018 - 09:33

La cantante ha rivelato tutto nella sua autobiografia: ha provato ad ammazzarsi per colpa del marito-padrone.

La vita privata di Tina Turner non è stata facile.

Nel suo nuovo libro autobiografico la star ha svelato di aver tentato il suicidio quando era poco più che ventenne.

Il suo primo marito, Ike, la picchiava di continuo.

«Per lui ero un bancomat. Voleva controllarmi, economicamente e psicologicamente», ha confidato la popstar.

Tina ha così provato a togliersi la vita: «Andai da un dottore, gli dissi che avevo dei problemi di insonnia e mi feci prescrivere dei farmaci. Dopocena, presi tutte le 50 pillole che mi aveva dato. Per fortuna mi svegliai. Ero infelice, ma avevo superato l’oscurità. Ero destinata a sopravvivere».

Nel 1976 la Turner ha trovato la forza di cambiare vita. Subito dopo si è innamorata del suo secondo e attuale marito: Erwin Bach, dirigente di una casa discografica.

Bach è stato determinante quando Tina – il cui vero nome è Anna Mae Bullock – ha avuto un problema di salute nel 2013.

«Mi sono svegliata e ho sentito come un fulmine colpirmi la testa e la gamba. Provavo a parlare ma niente. Stavo avendo un ictus. Sono diventata così debole che non potevo uscire di casa, tutte le forze che avevo mi servivano per barcollare tra la camera da letto e il bagno», ha ammesso l’artista, che ha poi ricevuto un rene dal marito.

Lo scorso luglio Tina Turner ha perso il suo primo figlio, Craig Raymond, che si è suicidato a 59 anni. L’uomo era il primo figlio dell’interprete, frutto della relazione con Raymond Hill, conosciuto prima di sposare Ike.

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia