Il Paese vincitore sogna la pace

Zelensky vuole portare l'Eurovision a Mariupol

DPA / fts

18.5.2022

La Kalush Orchestra dall'Ucraina vince l'ESC 2022. Ma la competizione può svolgersi nel tuo paese l'anno prossimo?
La Kalush Orchestra dall'Ucraina vince l'ESC 2022. Ma la competizione può svolgersi nel tuo paese l'anno prossimo?
AFP via Getty Images

Dove si svolgerà l'Eurovision Song Contest l'anno prossimo? Questa è la domanda che i fan della competizione si stanno ponendo in questo momento. Il presidente ucraino Zelensky la vorrebbe ovviamente nel suo Paese, ma sarà possibile?

DPA / fts

18.5.2022

Con la canzone «Stefania», la Kalush Orchestra ha trionfato alla 66esima edizione dell'Eurovision Song Contest (ESC). Il rapper Oleh Psjuk, commentato la vittoria, ha detto: «In Ucraina le persone che conosci o vengono uccise, o combattono o perdono il lavoro. Questa non è certamente la base migliore per una celebrazione».

E ciò solleva anche la questione di dove si possa tenere l'edizione 2023 dell'ESC. Tradizionalmente, la competizione si svolge nel Paese del vincitore dell'anno precedente. E quindi il presidente ucraino Volodymyr Zelensky vorrebbe che l'anno prossimo lo spettacolo musicale si tenga a Mariupol. Ma al momento questo resta solo un sano desiderio.

Entro l'estate, tuttavia, sarà necessario chiarire la questione sulla prossima sede, altrimenti un altro Paese dovrà intervenire, con il sostegno degli ucraini.

La Spagna, ad esempio, ha accettato, così come la Svezia o l'Islanda. Tuttavia, è probabile che ad avere maggiori possibilità di tenere la prossima edizione dell'Eurovision Song Contest sia la Gran Bretagna, essendosi classificata seconda nell'edizione di quest'anno.

«Non una celebrazione, ma volontariato»

Nel frattempo, il rapper Oleh Psjuk ha fatto sapere che non vede l'ora di tornare in Ucraina per poter rivedere la sua famiglia: «Mi è davvero mancata molto la mia casa».

Alla band è stato permesso di lasciare il Paese con un'autorizzazione temporanea, ma dovrà tornare in Ucraina nei prossimi giorni. Secondo il loro frontman, la Kalush Orchestra vuole pubblicare presto una nuova canzone.

Dopo aver lasciato Torino, però, non ci sono stati festeggiamenti. Psyuk vuole dedicarsi nuovamente alla sua organizzazione di volontariato, «per aiutare il popolo ucraino nella ricerca di alloggio, mezzi di trasporto e medicine».

La canzone «Stefania»

La Kalush Orchestra ha cantato la canzone «Stefania», un tributo alla madre di Psjuk. Domenica, la band ha pubblicato il video musicale su YouTube che ha raggiunto più di tre milioni di visualizzazioni in poche ore.

Tra le altre cose, la clip mostra donne soldato che trasportano bambini sulle macerie o ai piedi di grattacieli bombardati. Stando alla casa discografica, il video è stato registrato a Bucha e Irpin, due sobborghi di Kiev, che sono stati colpiti particolarmente duramente nella guerra di aggressione russa.

«Abbiamo deciso di girare il video in Ucraina per mostrare a tutti come appare oggi il Paese», ha commentato Psyuk. Nella spiegazione del video, ha scritto: «Se Stefania è ora l'inno della nostra guerra, allora voglio che diventi l'inno della nostra vittoria».