L'ex allenatore della Nati Stielike: «In Svizzera c'era più coerenza. Constantin? Un frustrato del calcio»

SDA

12.6.2024 - 11:34

Uli Stielike si rallegra per la vittoria della Svizzera sul Brasile il 21 giugno 1989 a Basilea
Uli Stielike si rallegra per la vittoria della Svizzera sul Brasile il 21 giugno 1989 a Basilea
Keystone

In un'intervista rilasciata all'agenzia di stampa Keystone-SDA, Uli Stielike ripercorre il suo periodo in Svizzera e spiega perché oggi segue il calcio solo in modo marginale.

12.6.2024 - 11:34

Uli Stielike non ha «solo» vinto il titolo di campione d'Europa con la Germania nel 1980 e raggiunto la finale della Coppa del Mondo nel 1982, ma ha anche trascorso diversi anni in Svizzera come giocatore e allenatore. È stato pure il ct della Nazionale rossocrociata dal 1989 al 1991.

Sebbene sotto la sua guida gli svizzeri abbiano mancato di poco la qualificazione alla fase finale degli Europei nel 1992, il suo lavoro ha gettato le basi per la partecipazione della Svizzera alla Coppa del Mondo del 1994 sotto la guida di Roy Hodgson - il primo grande torneo dopo la Coppa del Mondo del 1966.

Andy Egli, allora giocatore sotto la guida del tedesco, disse che lui aveva instillato una mentalità vincente.

In un'intervista con l'agenzia di stampa Keystone-SDA, l'ormai 69enne, ha detto: «All'epoca ci accontentavamo di una sconfitta risicata».

Uli Stielike (destra) onorato dall'allora presidente dello Xamax Gilbert Facchinetti - 1989. 
Uli Stielike (destra) onorato dall'allora presidente dello Xamax Gilbert Facchinetti - 1989. 
KEYSTONE

Dopo essere stato allenatore della nazionale svizzera, Uli Stielike ha allenato il Neuchâtel Xamax, per il quale aveva giocato. Ha concluso la sua carriera di allenatore nell'agosto 2020, dopo essere stato licenziato dal club cinese Tianjin Teda. Ora si gode la pensione sulla Costa del Sol, in Spagna.

Uli Stielike, il suo ultimo incarico da allenatore è terminato quattro anni fa. Quanto è ancora legato al calcio?

Lo seguo solo a bordo campo, non vado più allo stadio. Il calcio si è sviluppato in una direzione che è molto lontana da quella che mi ha portato a giocare. Di conseguenza, si è persa la vicinanza.

Può spiegarci meglio?

Un punto è l'aspetto finanziario. Non parlo delle stelle di prima grandezza che portano gente allo stadio e contribuiscono ad attirare gli sponsor. Se danno il meglio di sé, i milioni a due cifre sono certamente giustificati. Ma non riesco a capire perché un giocatore che non viene quasi mai utilizzato diventi milionario in pochissimo tempo. E poi l'interpretazione delle regole è arrivata a tal punto che la gente non si rende nemmeno conto che il calcio è stato completamente cambiato, che è un «pasticcio». Ai miei tempi si doveva ancora cercare di concludere un dribbling nell'area dei sedici metri. Oggi, invece, è opportuno tirare alla mano dell'avversario e sperare in un rigore, cosa che avviene nella maggior parte dei casi. Questo va contro l'essenza stessa del calcio. Questo va fino alla formazione. Ma le alte sfere non si preoccupano di questo, si assicurano solo di ottenere i loro soldi. Sembra essere la cosa più importante.

Non pensa di tornare al mondo del calcio prima o poi?

No. È stato un periodo bellissimo e mi manca ancora l'interazione con i giocatori, il lavoro di allenamento, le discussioni, le analisi video. Ma non mi manca affatto la competizione.

Sabato iniziano i Campionati europei nel suo Paese. Non sarà presente neanche lì?

No, non ho intenzione di andarci, soprattutto perché in questi giorni bisogna tenere conto dell'aspetto della sicurezza, dai critici dell'Islam che potrebbero portare oggetti nello stadio, ai fumogeni, che sono incomprensibilmente difficili da controllare. Il calcio è sempre più brutale, viene usato per la violenza e per mettersi in luce. Chi spara dieci petardi viene allontanato, ma ottiene comunque una prima pagina. I soldi che fanno notizia distruggono molto.

Anche lei ha partecipato a tornei importanti. Ma, non fu convocato per la Coppa del Mondo del 1978 perché si era trasferito al Real Madrid. Oggi è inimmaginabile. Come ricorda quell'episodio?

È stato assolutamente folle. Ma allora in Germania si credeva che il miglior calcio si giocasse lì. Volevano fare di me un esempio, facendo in modo che nessun altro giocatore si trasferisse all'estero prima della Coppa del Mondo del '78, e ci riuscirono. Franz Beckenbauer andò al Kosmos (negli Stati Uniti), ma all'epoca aveva già più di 30 anni, mentre io ne avevo 22. Resistere alla DFB (Federazione calcistica della Germania ndr.), mandare a quel paese la DFB, andare per la mia strada, è stato il mio più grande successo. Quando poi sono tornato in Nazionale, sono stato ancora considerato un disertore a causa della mentalità ristretta che ora è scoppiata di nuovo in Germania, come si può vedere dalle elezioni. I miei risultati sono sempre stati sminuiti dal 95% dei giornalisti.

Deve essere stato difficile essere etichettato in modo così negativo.

Sì, a maggior ragione quando nella stagione 1977/78 ho segnato 13 gol in campionato come centrocampista ed ero in piena attività. Mi hanno derubato di molte partite internazionali, anche perché non c'era l'obbligo di giocare, le date non erano coordinate e ogni Paese giocava in modo diverso. Per esempio, ho perso un'amichevole contro l'Inghilterra allo stadio di Wembley perché il Real stava giocando una partita di coppa nello stesso giorno e non mi ha lasciato andare.

Il titolo di Campione d'Europa nel 1980 è stata una specie di riscatto.

È stata una compensazione. Se il Mondiale fosse andato bene in Argentina (la Germania fu eliminata nel girone intermedio), chissà se sarei riuscito a tornare. Quindi c'è stato un cambio di allenatore e Jupp Derwall mi conosceva dalla nazionale dilettanti che esisteva all'epoca. Quindi una cosa tira l'altra. Nonostante il risultato negativo (1:3 contro l'Italia), la finale della Coppa del Mondo 1982 è ancora molto presente nella mia memoria.

La formazione della Germania dell'Ovest che vinse gli Europei a Roma nel 1980. Stielike è il secondo in piedi da sinistra.
La formazione della Germania dell'Ovest che vinse gli Europei a Roma nel 1980. Stielike è il secondo in piedi da sinistra.
KEYSTONE

Negli ultimi tempi la Germania è stata tutt'altro che vincente nei tornei più importanti. Ai Mondiali del 2018 e del 2022 è uscita dopo la fase a gironi, mentre agli Europei del 2021 gli ottavi di finale sono stati il capolinea. Ha una spiegazione per questo?

Credo che il calcio in Germania sia a volte troppo modernizzato, nel senso che ogni giocatore deve giocare tutto e abbiamo perso gli specialisti nel corso della formazione generale. Quelli che in realtà hanno sempre fatto la differenza. Se a Gerd Müller fosse stato chiesto di mettere sotto pressione l'avversario, si sarebbe rivelato un errore. Chi oggi corre sotto i dieci chilometri non può aver fatto una buona gara. Sono tutte cose che vanno nella direzione sbagliata.

Lei ha lavorato per la DFB dal 1998 al 2005, soprattutto nel settore giovanile: era così anche allora o ha potuto seguire la sua strada?

Sono stato fortunato perché ho potuto fare il mio ultimo corso di formazione per allenatori in Svizzera. All'epoca, gli svizzeri erano molto più avanti dei tedeschi nella formazione dei giovani calciatori. Una frase che mi è rimasta impressa durante la formazione giovanile in Svizzera è che tutti dovevano toccare la palla 1.000 volte in una sessione di allenamento. In Germania, invece, si dovevano percorrere tanti chilometri. Questa era una grande differenza.

Quindi non è sorpreso che la Svizzera abbia perso un solo torneo importante dal 2004?

No, perché in Svizzera c'è una certa coerenza che è assolutamente essenziale, soprattutto nel settore giovanile.

Come valuta il suo periodo come allenatore della Nazionale svizzera?

Molto positivamente. Sono soddisfatto: avevamo un ottimo mix di giocatori più vecchi e più giovani. Forse eravamo ancora un po' troppo inesperti per fare il grande salto, visto che abbiamo perso l'ultima partita di qualificazione contro la Romania per 0:1. Con un pareggio saremmo stati agli Europei in Svezia.

Tuttavia, lei ha deciso di passare allo Xamax lasciando la panchina a Roy Hodgson.

Sì e no. All'epoca ero ancora un ragazzo giovane, avevo 36 anni. Era tutto bello, la nazionale funzionava, si vedevano i progressi sia in campo che fuori, ma dieci partite internazionali all'anno non mi bastavano. Così, nella mia incoscienza giovanile, chiesi all'associazione se potevo anche occuparmi di una squadra di club  - non mi importava quale. Volevo solo stare di più sul campo di allenamento. L'associazione rifiutò, e col senno di poi devo dire che è giusto così. I conflitti di interesse sarebbero stati enormi.

Nel 2008 è stato allenatore del Sion per quattro mesi. Com'è stato?

Non si può avere un buon rapporto a Sion. Gli allenatori soffrono per un presidente (Christian Constantin) che non è riuscito a sfondare nel calcio professionistico. A quanto pare il talento non era sufficiente. Fa sentire a tutti gli allenatori questa "alienazione". Pensa di aver inventato il calcio e pretende che le sue idee vengano applicate. Ma non è così che funziona il calcio professionistico.

Uli Stielike (sinistra) sulla panchina del Sion (2008) in compagnia di Cristian Constantin, padre e padrone del club vallesano. 
Uli Stielike (sinistra) sulla panchina del Sion (2008) in compagnia di Cristian Constantin, padre e padrone del club vallesano. 
KEYSTONE

Torniamo ai prossimi Campionati Europei. Cosa pensa che siano in grado di fare la Svizzera, e la Germania?

La Svizzera ha sicuramente il vantaggio di non essere spinta nel ruolo di favorita come i tedeschi. Per quanto riguarda i miei connazionali, invece, bisogna chiedersi se il solo fatto di giocare nel loro Paese li autorizzi a essere favoriti, perché in base alle loro prestazioni calcistiche degli ultimi due anni, sarebbe una sorpresa se andassero lontano. Molti dei giocatori svizzeri hanno offerto prestazioni eccezionali per i loro club, quindi se questo può essere trasferito alla squadra, una sorpresa è sicuramente possibile.

SDA