In panchina contro l'Ungheria L'ex nazionale Henchoz: «Shaqiri è naturalmente molto frustrato»

blue Sport

17.6.2024

Xherdan Shaqiri non ha giocato nemmeno un minuto nella partita di debutto dell'Euro.
Xherdan Shaqiri non ha giocato nemmeno un minuto nella partita di debutto dell'Euro.
Keystone

Xherdan Shaqiri è stato a lungo una delle stelle della nostra Nazionale. Nella vittoria di sabato per 3-1 contro l'Ungheria, però, è rimasto in panchina per 90 minuti. L'ex difensore della nazionale Stéphane Henchoz ne è certo: «Shaqiri è molto frustrato».

blue Sport

17.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • La Svizzera ha battuto l'Ungheria per 3-1 nel suo esordio agli Europei e può già sognare gli ottavi di finale.
  • Se da un lato ci sono stati dei vincitori, per certi versi anche non attesi, come Kwadwo Duah, Michel Aebischer e Breel Embolo, dall'altro ci sono stati anche degli sconfitti. Uno di questi è Xherdan Shaqiri.
  • Il 32enne giocatore della MLS è rimasto in panchina per 90 minuti e dopo il match ha evitato i media.

La Svizzera ha battuto l'Ungheria per 3-1 al debutto dei Campionati Europei, mettendo la Nazionale in un'ottima posizione per qualificarsi agli ottavi di finale. Ma nonostante l'euforia, non tutti i giocatori sono felici dopo l'eccellente partenza.

Questo vale soprattutto per Xherdan Shaqiri. Il 32enne ha giocato finora 123 partite con la maglia della Nazionale. Sorprendentemente, non è arrivato a quota 124 contro l'Ungheria. Il centrocampista d'attacco è infatti rimasto in panchina per tutti i 90 minuti.

È stato anche l'unico giocatore svizzero a non rivolgersi ai media dopo la partita. Ai microfoni di blue Sport, l'ex giocatore della nazionale Stéphane Henchoz ha detto: «Era molto frustrato. E quando sei frustrato, ovviamente non vuoi parlare in pubblico. Vuoi salire subito sul pullman della squadra e tornare in albergo».

In risposta alla teoria del presentatore Manuel Rothmund, secondo cui nessuno avrebbe sentito la mancanza di Shaqiri, il caporedattore di blue Sport Andreas Böni ha dichiarato: «Ovviamente eravamo sotto pressione dopo l'1-2 dell'Ungheria, quindi era chiaro che bisognava inserire giocatori che lavorassero molto in difesa. Era il momento sbagliato per inserirlo, sono d'accordo con Murat Yakin».

Anche Henchoz è d'accordo: «Per come si è svolta la partita, non c'era spazio per Shaqiri. Ma questo non significa che non avremo bisogno di lui tra tre giorni contro la Scozia».

L'ex difensore della Nazionale spiega poi quali sono gli scenari in cui il coinvolgimento di Shaqiri ha senso: «Se sei sotto per 1-0 e non c'è spazio, è difficile creare qualcosa, allora hai di nuovo bisogno di Shaqiri. Certo, oggi sarà molto scontento, ma ci saranno momenti in cui la Nati avrà ancora bisogno di lui».

La decisione a favore del denaro e contro la Nazionale

Anche Böni crede che Shaqiri avrà ancora la sua occasione. Tuttavia, non capisce sono le scelte passate del giocatore: «Quello che fondamentalmente non capisco di lui è che si è trasferito nella MLS due anni e mezzo fa e lì guadagna otto o nove milioni all'anno. È chiaro che probabilmente ti trasferisci per i soldi, ma in quel momento ti rendi conto che c'è una probabilità relativamente alta di essere abbandonato dalla Nazionale - e questa situazione per Shaqiri dura da due anni e mezzo. Deve averci pensato».

In conferenza stampa prima della partita contro l'Ungheria, il numero 23 ha mostrato una mancanza di comprensione per un possibile ruolo di supporto. 

Henchoz può capire come si sente: «È sempre stato un titolare. Rimane ancora Shaqiri. Ma è la stessa cosa per tutti i giocatori quando invecchiano. Il tuo nome e il tuo curriculum sono ancora grandi, ma il tuo contributo in campo non è più quello di una volta. E allora bisogna accettarlo. Ma la maggior parte dei giocatori non ci riesce».

Quando arriverà l'occasione di Shaqiri?

Nella gerarchia della Nazionale svizzera non solo è rimasto indietro rispetto a Steven Zuber, infortunatosi prima della partita contro l'Ungheria, ma anche rispetto a Michel Aebischer.

Contro la Scozia difficilmente ci saranno dei cambiamenti. L'esperto Henchoz conferma: «Bisogna schierare la squadra in base alla forma. Non si cambia mai una squadra vincente. Questo significa che contro la Scozia si deve partire esattamente allo stesso modo. Almeno questo è quello che farei io, a meno che non ci siano giocatori infortunati».

A parte Zuber la Svizzera è stata per ora risparmiata dagli infortuni, anzi, la rosa sembra essere ancora più ampia. Domenica, infatti, anche Denis Zakaria ha potuto prendere parte all'intera sessione di allenamento delle riserve.

Il centrocampista del Monaco è quindi un'altra opzione per Murat Yakin in vista della partita di mercoledì contro la Scozia.

E magari potrebbe essere l'occasione anche per Xherdan Shaqiri, almeno per uscire dalla panchina a partita in corso e timbrare la sua 124esima presenza internazionale.