Dal calcio alla guerra

Il Pallone d'Oro 1986 si unisce all'esercito di Kiev

bfi

8.4.2022

Igor Belanov con la maglia della nazionale dell'Unione Sovietica.
Getty Images

Dopo il campione della boxe Oleksandr Usyk e l'ex tennista Dolgopolov anche l'ex attaccante dell'URSS si unisce alle forze di liberazione ucraine.

bfi

8.4.2022

Igor Belanov, l'ex attaccante che ha vinto il Pallone d'Oro nel 1986, oltre che ex conoscenza del calcio svizzero in quanto nel 2003 diventò proprietario del FC Wil, si è unito alle forze armate dell'Ucraina nel tentativo di aiutare il suo paese contro l'invasione russa.

Belanov ha vinto otto titoli con la Dynamo Kiev, ha giocato poi con il Borussia Mönchengladbach e l'Eintracht Braunschweig prima di ritirarsi nel 1987 quando giocava con il Metalurh Mariupol. L'ex calciatore è uno dei due ucraini ad aver vinto il Pallone d'Oro, prima di lui ci riuscì l'allora suo ex compagno di club e nazionale Oleg Blokhin, nel 1975.

Oggi, il 61enne ha deciso di seguire l'esempio di Oleksandr Usyk e  Alexander Dolgopolov, diventando così l'ultima icona sportiva del paese ad imbracciare le armi.

L'ex attaccante, insieme al presidente della Federazione di calcio ucraina, Andriy Pavelko, ha visitato Odessa, sua città natale.

I due hanno poi incontrato gruppi di militari, distribuendo tra l'altro aiuti e regali. Belanov ha anche portato il suo Pallone d'Oro in un ospedale nella città devastata dalla guerra, in segno di incoraggiamento verso i militari feriti. In seguito, l'ex calciatore ha poi pubblicato su Facebook una serie di immagini di lui con altri soldati al fronte.

«Incredibile coraggio e inesauribile spirito di combattimento! Tutto questo e molto di più caratterizza i nostri soldati delle forze armate dell'Ucraina. Siamo con voi!», ha commentato uno dei due Palloni d'Oro ucraini.

Igor Belanov, dietro a sinistra
Facebook

«Pace all'Ucraina, e gloria a tutti coloro che affrontano gli aggressori che sono venuti a distruggere la nostra terra e il nostro libero ed eroico popolo!», il 61enne ha aggiunto nei suoi commenti. «Credo nella nostra rapida vittoria! Gloria all'Ucraina!» conclude il post.

Nato a Odessa nel 1960, Belanov ha iniziato la sua carriera professionale proprio nella sua città, prima di passare alla più prestigiosa Dinamo di Kiev. L'ex attaccante ha vestito pure i colori dell'Unione Sovietica 33 volte, segnando otto gol con la maglia dell'allora CCCP. Nel 1985, grazie alle sue cinque reti segnate nella competizione, la Dinamo Kiev vinse la Coppa delle Coppe.

L'ucraino ha vinto il Pallone d'Oro nel 1986 lasciandosi alle spalle i vari Platini, Gullit, Futre, Lineker e Butragueno. Ai Mondiali del 1986 a Belanov fu consegnata la Scarpa di Bronzo. Nel 2018 ha iniziato a collaborare con la Federazione ucraina di calcio.