Capello bacchetta CR7

«Non ha effettuato un solo dribbling negli ultimi tre anni»

bfi

12.11.2019

Ronaldo, sinistra, criticato da Capello.
Telelcub/Getty

Ronaldo esce dal campo un poco irritato - sostituito da Dyabala che segnerà la rete della vittoria - e prende il volo per il Portogallo. Capello bacchetta CR7 e si complimenta con Sarri.

Sarri lo aveva sostituito nella gara di Champions contro il Lokomotiv Mosca, ieri, lo ha rifatto. Ha tolto il portoghese e ha mandato in campo Paulo Dybala, che lo ha subito ripagato con un gol... le rete della vittoria contro il Genoa che permette alla Juventus di rimanere in testa alla classifica di Serie A.

Infortunato, giù di forma, arrabbiato, frustrato, insomma le speculazioni attorno a Ronaldo sono sempre molte, come accade sempre quando si parla di grandi, grandissimi. 

Rimane il fatto che il portoghese non ha atteso la fine dell'incontro con i compagni, si è imbucato nel tunnel per gli spogliatoi scivolando vicino a Sarri e poi ha preso direttamente il volo per il Portogallo, dove giovedì giocherà l'incontro di qualificazione per Euro 2020 con i colori del suo Paese.

CR7 ha segnato in questa stagione 'solo' 6 reti in 14 partite giocate, tra Serie A e Champions League. Non poche per un comune mortale, ma decisamente in ribasso quando si parla di Cristiano Ronaldo. 

La dure parole di Capello

Ai microfoni di Sky Sport Italia l'ex allenatore Fabio Capello non ha certo lesinato critiche alla star portoghese della Juventus. 

Capello ha iniziato la sua disquisizione sul portoghese dicendo che anche il grande CR7 deve accettare le decisioni di Sarri. 

«Non ha fatto un dribbling negli ultimi tre anni»

«Deve essere un campione anche quando deve uscire dal campo», ha detto severo l'ex coach di Milan, Roma, Juventus, Real Madrid, Inghilterra e Russia.  

«La verità è che Cristiano Ronaldo non ha dribblato un solo avversario negli ultimi tre anni. Sono passati i tempi in cui faceva il doppio passo e lasciava tutti sul posto portandosi via la palla».

Ma Fabio Capello non è un detrattore di Ronaldo, il suo giudizio vuole essere relativo al presente, ai 34 anni del grande bomber.

«Dentro di lui c'è un super campione, il migliore di tutti, ma oggi deve fare i conti con Dybala e Douglas Costa. Dybala sta attraversando un periodo di forma strepitosa così come Douglas Costa». 

«La Juventus può vincere anche senza Ronaldo»

La Juventus può vincere anche senza il suo numero 7. «Sembrava che i bianconeri dipendessero dalle prodezze della loro grande star, invece questa grande squadra fatta di giocatori di grandi qualità sa vincere anche senza di lui». 

Infine l'ex allenatore della Juventus, oggi 73enne, spende un complimento per Maurizio Sarri: «Ha avuto il coraggio di cambiare Ronaldo; ci vuole personalità. Complimenti».

Capello crede che Ronaldo abbia bisogno di riposo, di ritrovare il dinamismo e la velocità che ha saputo dimostrare di avere ancora. 

Tutti attendono dunque il ritorno del campionissimo... mentre la Juve continua la sua marcia vittoriosa.

Tornare alla home pageTorna agli sport