«La sua missione era far vincere i perdenti»

SDA

18.11.2021 - 10:27

Maradona con la maglia del Napoli.
Keystone

Il nuovo libro - «Il re degli ultimi. I sette anni meravigliosi e folli di Maradona a Napoli» - propone aneddoti, riferimenti storici e testimonianze, che il giornalista Enzo Beretta ha dedicato al Pibe de oro e alla sua permanenza nella città partenopea.

SDA

18.11.2021 - 10:27

«La sua missione era precisa: rendere felici gli ultimi, fare vincere i perdenti, dimostrare che l'impossibile era a portata di mano» scrive nella presentazione Beretta, giornalista che vive e lavora a Perugia e ha già pubblicato altri libri come «Romanzo immobiliare, il sistema Anemone» e «Favole alla sbarra».

Di Maradona, Beretta ricorda che «approda in una squadra che sta per retrocedere e l'accompagna alla gloria, vincitore dove non si era vinto mai. La magia del condottiero in pantaloncini e maglietta è far sognare tutti: il destino di milioni di persone dipende da lui, da una giocata del numero 10, da un suo gol».

Nella prefazione, Fabrizio Roncone, inviato speciale del Corriere della sera, sottolinea che «questo è un romanzo d'amore collettivo, nel quale possiamo riconoscerci tutti».

«Enzo Beretta mi ha portato dentro luoghi che avevo visto solo da fuori, nella mia stagione di cronista al seguito del Napoli che vince il suo secondo scudetto: la casa di Diego, in via Scipione Capece 3/1, lo spogliatoio dello stadio San Paolo, dove Diego si preparava a dire messa distribuendo ai compagni i consigli e il coraggio per farsi aiutare nell'impresa di portare alla vittoria un'intera città; a un certo punto, ecco pure la penombra dei locali notturni dove un uomo tremendamente solo andava a perdersi».

«Nel libro - afferma ancora - c'è Napoli e ci sono i napoletani. Non so dove sia, adesso. Ma ho la ragionevole speranza che qualcuno riuscirà a recapitargli una copia di questo libro».

Al centro del volume ci sono soprattutto la città, il cuore, la passione e l'ambiente. Capitoli suddivisi non per cronologia ma per argomenti: la trattativa per portarlo a Napoli dal Barcellona, le donne, il fisico martoriato, il rapporto con Napoli, la vita di spogliatoio, gli allenamenti, il giorno del primo scudetto, i manager e la corte dei miracoli, la venerazione dei tifosi nei vicoli con le immagini sacre di Diego, i capricci, le liti con Ferlaino, la partenza dall'Italia.

C'è il Maradona elettricista che in ritiro aggiusta l'antenna della televisione nella stanza di Eraldo Pecci, le grigliate con i compagni e i suggerimenti ai singoli quando lo spogliatoio rimaneva vuoto. C'è poi un intero capitolo dedicato solo alle donne, dalla mamma, Doña Tota, alla fidanzata e futura moglie Claudia Villafane, alle varie scappatelle più o meno note.

SDA