È ancora uno sport? Ciclismo: 4 morti in 3 mesi, l'esperto: «Gli organizzatori non hanno tutto sotto controllo»

Di Tobias Benz

13.9.2023

La foto del luogo dell'incidente mortale del fuoriclasse svizzero Gino Maeder sul percorso del Tour de Suisse 2023.
La foto del luogo dell'incidente mortale del fuoriclasse svizzero Gino Maeder sul percorso del Tour de Suisse 2023.
KEYSTONE

Nella stagione ciclistica 2023, ben quattro corridori hanno subito incidenti mortali. Si tratta di un numero significativamente maggiore rispetto agli altri anni. Henri Gammenthaler, ex ciclista e commentatore di lunga data del Tour de Suisse, approfondisce le cause con blue News.

Di Tobias Benz

13.9.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Durante una gara di ciclismo in Giappone, Kota Ikarashi muore in seguito a uno scontro con un'auto.
  • È già il quarto ciclista professionista ad avere un incidente mortale in questa stagione.
  • L'esperto di ciclismo Henri Gammenthaler cerca di spiegare il drastico aumento degli incidenti mortali.
  • Critica non solo gli organizzatori, ma anche gli spettatori e la crescente spettacolarizzazione del ciclismo.
  • Per Gammenthaler, lo sport rischia di perdere le sue radici a causa degli attuali sviluppi, perché per lui è chiaro: «Il ciclismo deve sempre rimanere uno sport popolare».

Jacopo Venzo (17 anni), Kota Ikarashi (21 anni), Tijl De Decker (22 anni), Gino Mäder (26 anni). Quattro giovani ciclisti professionisti sono morti tragicamente in soli tre mesi. Jacopo Venzo e Gino Mäder durante delle discese ad alta velocità, Kota Ikarashi e Tijl De Decker in seguito a collisioni con automobili.

Da dove deriva il brusco accumulo di incidenti mortali nel ciclismo? «È pazzesco, una volta erano estremamente rari», afferma l'esperto delle due ruote Henri Gammenthaler in un'intervista a blue News.

In effetti, gli incidenti mortali in gara sono un fenomeno che accompagna questo sport solo dall'inizio del millennio. Il commentatore di lunga data del Tour de Suisse vede diversi fattori dietro al rapido aumento di questi numeri nel 2023. Uno spicca in particolare.

«Gli organizzatori non hanno tutto sotto controllo»

«Ho la sensazione che oggi la gente non abbia alcun rispetto per le prestazioni dei corridori e soprattutto per queste velocità! È come la Torre di Babele. Tutto deve andare sempre più in alto, sempre più veloce. E con questo, ovviamente, il rischio aumenta», spiega Gammenthaler. «Ma i corridori hanno spinto oltre i loro limiti.»

L'ottantatreenne vede parte della colpa negli organizzatori delle gare. «Il percorso della Coppa del Mondo a Glasgow, per esempio. Sono quasi sorpreso che nessuno sia morto, con così tanti incidenti. Era un tracciato orribile! Ma purtroppo oggi è esattamente la stessa cosa in molte altre gare. Le discese sono troppo ripide, i passaggi troppo stretti e ci sono rotatorie pericolose ovunque. Gli organizzatori non hanno un controllo su questo».

Henri Gammenthaler
Henri Gammenthaler
zVg

Henri Gammenthaler analizza gli eventi ciclistici per blue News e blue Sport. Lo zurighese è stato lui stesso un corridore, poi è diventato esperto per la televisione e la radio, come pure commentatore del Tour de Suisse per svariate edizioni.

Alla fine, il calcolo è semplice: maggiore è il numero di incidenti, maggiore è la probabilità di incidenti mortali. Il caso più recente si è verificato dopo una collisione con un'auto. Il corridore giapponese Kota Ikarashi ha avuto un incidente nella prima tappa del Tour di Hokkaido quando si è scontrato con una macchina perché gli organizzatori avevano permesso alle auto di percorrere un tratto in discesa. Poco dopo, il 21enne è deceduto in ospedale per le ferite riportate.

Gammenthaler è sconcertato: «Non è possibile che vengano messe a rischio vite umane! È ipocrita quando gli organizzatori parlano sempre di sicurezza ma alla fine non succede nulla. Sembra che non imparino».

Biciclette troppo veloci e tifosi scatenati

Gammenthaler vede anche un grosso problema con gli spettatori. «Questi pseudo tifosi sui passi in Francia, per esempio. Ai miei tempi pensavo che sarebbe stato un orrore, ma oggi tutti tengono il cellulare sulla strada, è un disastro. Il fatto che la polizia non intervenga più spesso è un mistero per me».

Nel 2021, una spettatrice con un cartello di cartone ha causato un incidente di massa al Tour de France. All'epoca, la polizia ha arrestato la responsabile, che fu poi condannata a una multa di 1.200 euro da un tribunale di Brest. 

Secondo Gammenthaler, anche le biciclette moderne potrebbero essere in parte responsabili dell'aumento degli incidenti mortali. «Sono costruite appositamente e vanno a oltre 100 chilometri all'ora. Inoltre, sono così stabili che si possono manovrare ad alta velocità nelle buche più piccole della strada. Se si tocca l'avversario anche solo un po', c'è un pericolo pazzesco di cadere».

Questo potrebbe diventare un problema soprattutto negli ultimi chilometri, quando le cose devono andare veloci. «A circa dieci chilometri dall'arrivo, le squadre dei velocisti iniziano ad aumentare il ritmo. Ma poi, purtroppo, ci sono ancora innumerevoli rotonde ed è assolutamente necessario attraversare questi piccoli villaggi, dove il gruppo si stacca e i corridori a sinistra e a destra sul bordo cadono».

«Il ciclismo deve rimanere uno sport popolare»

Secondo l'ottantatreenne, tutto questo non è necessario. Il fatto che i giovani corridori abbiano sempre meno voce in capitolo e che la squadra dica loro addirittura come devono mangiare è qualcosa di cui il ciclismo non ha bisogno.

«Per me, questo non ha più nulla a che fare con lo sport, è quasi uno sport estremo», afferma Gammenthaler. «Se andassimo ancora di più in questa direzione, sarebbe un grande peccato per il ciclismo. Quando sei in giro da tanto tempo come me, speri e desideri che le cose cambino».

Tuttavia, Gammenthaler pensa anche che qualcosa debba essere mantenuto ben chiaro: «Il ciclismo deve sempre rimanere uno sport popolare».