Le pagelle della redazione

Contro l'Italia quasi tutti bocciati, solo due sufficienze

fon

17.6.2021

Pochi si sono salvati.
Keystone

La Nazionale rossocrociata ha steccato la seconda partita dell'Euro. Ecco le note date dalla redazione agli uomini messi in campo da Vladimir Petkovic contro l'Italia di Mancini.

fon

17.6.2021

Portiere

Nota  3.5

Portiere

Yann Sommer

Per una volta il nostro numero uno non è stato una sicurezza. Impotente sui primi due gol, in un'altra giornata avrebbe evitato la terza segnatura. Fortunato al 12esimo, quando sbaglia un passaggio pericolosissimo e gli avversari non ne approfittano.

Difensori

Nota  3.5

Difensore

Nico Elvedi

Al decimo si lascia superare con troppa facilità ma si crea una buona occasione poco dopo con un bel cross. Da lì in poi combina poco, ma sbaglia anche poco, è tuttavia parzialmente colpevole sul secondo gol.

Nota  3

Difensore

Fabian Schär

Conosciuto per il suo gioco senza compromessi Schär contro l'Italia propone poco o niente. Forse a causa del cartellino giallo ricevuto alla prima partita? Il fatto di dover giudicare due suoi lanci lunghi come occasioni offensive nel corso del primo tempo, la dice lunga sulla prestazione della squadra. Viene sostituito al 57esimo.

Nota  3.5

Difensore

Manuel Akanji

Akanji - come i suoi compagni di reparto - non riesce a tenere il passo con gli avversari, nonostante ciò la sua prestazione è "solida". Non è colpevole sui gol subiti, salvato dal VAR nel duello perso con Chiellini (più che fallo di mano c'era una fallo di gioco).

Centrocampisti

Nota  3.5

Esterno destro

Kevin Mbabu

Non cede su tutta la linea, ma viene costantemente messo alle strette (anche) perché abbandonato dai compagni. La sua azione migliore la propone nei minuti finali del primo tempo quando recupera palla, si lancia sulla fascia, ma è tutto inutile perché i colleghi hanno già la testa negli spogliatoi. Al 57esimo lascia il posto a Widmer.

Nota  3.5

Centrocampista centrale

Granit Xhaka

Il neo biondino Xhaka tiene bene per 20 minuti, lavora difensivamente e brilla soprattutto per tre recuperi negli scampoli iniziali. Le critiche sullo sfaldamento della squadra fra difesa e attacco sono pienamente meritate visto che il direttore d'orchestra a centrocampo dovrebbe essere lui. Sbaglia pochissimo ma non riesce a dare impulsi offensivi. Ora cosa combinerà in vista di domenica? Dopo il nuovo tatuaggio fatto prima della sfida col Galles e i capelli biondi di questa settimana, ci piacerebbe vederlo in campo con una prestazione almeno sopra al 5 nella partita decisiva di domenica contro la Turchia. Lasciamoci sorprendere.

Nota  3

Centrocampista centrale

Remo Freuler

Irriconoscibile. Sul primo gol si dimentica di Locatelli, sul secondo il blocco con Elvedi non funziona.

Nota  3

Esterno sinistro

Ricardo Rodriguez

Rodriguez è l'ombra di sé stesso. Manca la fiducia. Sbaglia un controllo dopo l'altro ed è palesemente in difficoltà (quasi) ogni volta che tocca palla. Si vede che in stagione ha giocato poco. Sull'azione del primo gol azzurro si fa bere da Berardi.

Attaccanti

Nota  3.5

Ala destra

Breel Embolo

Contro il Galles ha convinto con la sua potenza e il suo dinamismo, contro l'Italia invece si vede poco. Non crea pericoli davanti, ma lotta. O almeno ci prova. Al 78esimo riceve un cartellino giallo.

Nota  3

Mezza punta

Xherdan Shaqiri

Nei primi 45 minuti non si vede, dopo l'intervallo prova a cambiare le cose ma si rende davvero pericoloso solo al 61esimo. Si crea lo spazio, ma la conclusione è alta. Nel complesso ci si aspetta molto di più da Shaqiri. Anche nel suo caso si vede che soffre la mancanza di tempo di gioco in stagione. Al 76esimo viene sostituito quando il punteggio è di 2-0.

Nota  2.5

Ala sinistra

Haris Seferovic

Quasi impossibile da valutare. Vede a malapena la palla. Combattività non percepita, la prossima volta un po' di Ovomaltina? Dopo la pausa non torna in campo.

Sostituzioni

Nota  3

entrato al 46esimo al posto di Seferovic

Mario Gavranovic

Come Seferovic là davanti fa molta fatica. Riceve pochi palloni, ma a differenza del compagno sostituito lotta di più. Riceve un cartellino giallo un paio di minuti dopo essere entrato in gioco per la foga (era davvero da ammonire?). Si fa sfilare il pallone da Rafael Tolói nell'azione che porta al 3-0, ma bisogna dire che il passaggio di Rodriguez non era certo un invito a nozze.

Nota  4

entrato al 57esimo al posto di Mbabu

Silvan Widmer

Entra in gioco quando il risultato è già di 2-0 ma la mentalità è quella giusta. Cerca di pigiare il pedale sull'acceleratore senza però avere molta fortuna.

Nota  4

entrato al 57esimo al posto di Schär

Steven Zuber

Una volta in campo prende il posto di Rodriguez e si fa sentire. Il laterale dell'Eintracht Francoforte è più pericoloso. Al 64esimo impensierisce per la prima volta nell'incontro l'estremo difensore azzurro. La rete non arriva, ma in una serata come questa bisogna sapersi accontentare.

Nota  -

entrato al 76esimo al posto di Shaqiri

Ruben Vargas

Senza voto. Ha giocato troppo poco.

Nota  -

entrato all'84esimo al posto di Freuler

Djibril Sow

Senza voto. Ha giocato troppo poco.