L'ultimo ballo di Messi

Una città di milioni di persone in stato di emergenza

Tobias Benzino, Buenos Aires

17.12.2022

L'economia è in rovina, il calcio in paradiso. L'Argentina è a terra, ma allo stesso tempo sogna il terzo titolo mondiale. Lo stato di emergenza è in vigore per diversi motivi.

Tobias Benzino, Buenos Aires

17.12.2022

Buenos Aires, 13 dicembre 2022, 17:54. «Por favor, por favor!» implora il commentatore del canale sportivo nazionale «TyC». Scorrono gli ultimi secondi della semifinale tra Argentina e Croazia. La qualificazione della Nazionale albiceleste in finale è imminente.

Le strade della megalopoli sono deserte, il traffico è fermo. Anche gli autisti degli autobus hanno smesso di lavorare. Si sente solo la voce metallica del televisore. «Per favore, per favore, fischiate!». Contemporaneamente, rimbomba attraverso le finestre d'innumerevoli ristoranti e bar, scorre dai davanzali dei grattacieli e riecheggia dall'asfalto al cielo. «Por favor!».

Poi il fischio risuona.

La confusione si abbatte sulla città come un'alluvione. La terra trema. L'Argentina è in finale di Coppa del Mondo! La gente si riversa nelle strade, dando libero sfogo alle loro emozioni. Piange, balla, canta e si bacia. In pochi minuti, le strade principali si trasformano in chilometri di festa, i balconi in stazioni per DJ e i ristoranti in capanne da festival. È stato così anche dopo le vittorie contro Messico, Polonia, Australia e Olanda. Ma questa volta è tutto diverso. È un po' più folle.

Spettatori incantati guardano la partita tra Argentina e Croazia in una strada secondaria di Buenos Aires.
Spettatori incantati guardano la partita tra Argentina e Croazia in una strada secondaria di Buenos Aires.
blue Sport

In Argentina la 22esima edizione della Coppa del Mondo è molto più che solo calcio. Il Paese si trova in una delle peggiori crisi di sempre. L'inflazione, che da diversi mesi si fa sentire in Svizzera e in Europa, perseguita da anni lo Stato un tempo prospero dell'estremo sud delle Americhe. E in Argentina è molto peggio.

Una lotta per la sopravvivenza

Si chiama iperinflazione. La perdita di valore del peso argentino procede a un ritmo tale che la maggior parte della popolazione è costretta a vivere alla giornata. Qui il risparmio non è un'opzione. A ottobre, il tasso d'inflazione rispetto all'anno precedente è stato dell'88%. Secondo le previsioni, potrebbe raggiungere il 100% entro la fine dell'anno.

Per capire meglio la situazione: durante la Coppa del Mondo di quattro anni fa, chi cambiava un franco svizzero riceveva circa 28 pesos, oggi 186, e sul mercato nero addirittura 360.

Tutti pazzi per Messi, dal Bangladesh alle Ande!

Tutti pazzi per Messi, dal Bangladesh alle Ande!

La vittoria dell'Argentina festeggiata in tutto il mondo.

14.12.2022

Più del 40% della popolazione è considerata strutturalmente povera. Il governo sta cercando di prevenire un'ulteriore escalation della situazione con programmi di assistenza sociale. Ma anche la loro efficienza è in calo. Allo stesso tempo, la politica stessa è in grande crisi. Mentre il debito nazionale sta assumendo proporzioni esorbitanti e la parte più povera della popolazione sta lottando per sopravvivere di fronte a un'inflazione implacabile, i politici si scannano a vicenda.

La sinistra chiede l'introduzione immediata di un salario minimo, le forze liberali spingono per il passaggio al dollaro USA. I toni si fanno di giorno in giorno più accesi. Una cosa è chiara: nessuno è responsabile. La leadership del Ministero dell'Economia cambia quasi a ogni mese e solo all'inizio di dicembre l'attuale vicepresidente è stata condannata a sei anni di carcere per appropriazione indebita di fondi pubblici. Sono in gioco miliardi di euro. Se la politica di sinistra dovrà scontare la sua pena non è ancora sicuro. Lei stessa parla di «mafia giudiziaria» e invita i suoi sostenitori a resistere.

Una figura luminosa con le scarpe da calcio

Le strade della capitale sono piene di rabbia. «È sempre stato difficile - dicono - ma ora è solo uno spettacolo di cabaret», afferma la gente. La fiducia nella politica è morta da tempo in Argentina. Solo un personaggio pubblico è ancora in grado di mobilitare le masse e d'infondere loro fede e speranza: Lionel Messi.

Lionel Messi su un edificio della sua città natale, Rosario.
Lionel Messi su un edificio della sua città natale, Rosario.
KEYSTONE

Quando il 35enne scende in campo a 13'000 chilometri di distanza, in Qatar, un'intera Nazione respira al ritmo dei suoi passi. Per 90 minuti, gli argentini possono dimenticare le preoccupazioni quotidiane e per una volta vincere qualcosa.

Che si tratti di una maglia falsa, originale o fatta in casa, ogni bambino porta il suo nome sul retro. Il breve inserimento di un primo piano del sette volte vincitore del Pallone d'Oro è sufficiente per far scoppiare applausi fragorosi in ogni angolo della strada della capitale. Messi è portatore di speranza. Il «Papá». Il Messia. Sulle sue spalle gravano la fiducia e le aspettative di un intero Paese.

E lo fa con successo. Asciuga le lacrime dopo la sconfitta patita con l'Arabia Saudita al debutto mondiale per poi trasformare un Paese in crisi in una bolgia colossale grazie ai suoi gol contro Messico, Australia, Olanda e Croazia. «La Pulga» dà la fiducia che manca alla società argentina in tanti altri settori.

Domenica, in quella che probabilmente sarà la sua ultima partita di Coppa del Mondo, Messi si dedicherà al suo capolavoro. I suoi compatrioti saranno pronti. Da Ushuaia a Salta, da Buenos Aires a Doha.

Un ultimo ballo.

Prima che inizi a danzare un Paese intero.