La rassegna stampa

«Yakin ha scommesso molto e ha perso» - «Stanca, senza grinta e senza forza»

blue Sport

7.12.2022

Murat Yakin (in piedi a destra) segue la disfatta della Nazionale svizzera contro il Portogallo allo stadio Lusail  in Qatar. 
Murat Yakin (in piedi a destra) segue la disfatta della Nazionale svizzera contro il Portogallo allo stadio Lusail  in Qatar. 
KEYSTONE

Mentre i giornali nazionali sono pieni di critiche nei confronti dell'allenatore Murat Yakin, i media internazionali si concentrano su Cristiano Ronaldo. La rassegna stampa della debacle della Nati per 1-6 contro il Portogallo.

blue Sport

7.12.2022

Svizzera

«Corriere del Ticino»

«I soliti quattro capitoli. E senza lieto fine. La storia della Svizzera ai Mondiali fa ancora una volta venire le lacrime agli occhi. Anche la disperazione. Il Portogallo non era la Svezia, certo. Ma siamo onesti, ci aspettavamo una trama e un finale diversi, così come dei protagonisti diversi. No, non sarà la Svizzera a lasciare un segno tangibile nell'edizione della Coppa del Mondo più controversa di sempre. Superare la fase a gironi e poi passare accanto al torneo: questo è ovviamente il nostro destino».

«Le Matin»

«La fine dell'avventura. Murat Yakin non ha fatto meglio di Köbi Kühn, Ottmar Hitzfeld o Vladimir Petkovic: la Nazionale svizzera è caduta ancora una volta negli ottavi di finale della Coppa del Mondo. Dopo l'Ucraina ai rigori (2006), l'Argentina ai tempi supplementari (2014) e la Svezia (2018), martedì è stato il Portogallo a eliminare la Nati al Lusail Stadium. E si è rivelata una vera e propria lezione di calcio, con la vittoria dei portoghesi per 6-1».

«Tagesanzeiger»

«Volevano fare la storia, gli svizzeri, a questa Coppa del Mondo nel deserto. Ma poi è come se qualcuno avesse ordinato «i soliti ottavi di finale della svizzera», per favore. Come nel 2018 contro la Svezia, come nel 2006 contro l'Ucraina, la Svizzera gioca una partita a eliminazione diretta come se si fosse alzata dal letto solo cinque minuti prima del calcio d'inizio - mentre quella prima come se fosse andata a bere un espresso triplo».

«Blick»

«Murat Yakin ha commesso un errore. Il tentativo con la linea di difesa a tre è andato completamente a vuoto. La Nati non aveva alcuna possibilità contro un avversario con cui si vedeva alla pari. (...) Nella partita più importante della sua carriera, Yakin ha scommesso molto e ha perso. Per una volta, il suo istinto lo ha deluso. Il cambio di sistema è stato accompagnato da decisioni sui giocatori che hanno sollevato dubbi. Il fatto che abbia portato in Qatar solo due difensori esterni si è rivelato un errore».

«NZZ»

«Gli svizzeri vogliono continuare a scrivere la loro storia nella Coppa del Mondo», ha dichiarato l'allenatore Murat Yakin prima degli ottavi di finale contro il Portogallo. La storia che ne è uscita è la storia di un fallimento totale. La storia è quella di un allenatore che sbaglia la tattica. Si tratta di una squadra che si arrende all'avversario, stanca, senza grinta e senza forza, con il capitano Granit Xhaka, in testa».

«Aargauer Zeitung»

«La Nati voleva scrivere la storia, ma è ancora ferma al vecchio capitolo. 2006 - un'uscita avvilente contro l'Ucraina. 2014 - uscita sfortunata contro l'Argentina. 2018 - uscita senza emozioni contro la Svezia. E nel 2022? Sconfortati, sfortunati e privi di emozioni contro il Portogallo. È il momento peggiore che abbiamo vissuto finora negli ottavi di finale».

Portogallo

«Público»

«No, non siamo nel regno della fantasia cinematografica di Tarantino. Quello che è successo a Lusail, martedì, è reale e non c'è stato bisogno di un colpo di scena hollywoodiano, come in altre partite. Il Portogallo è sopravvissuto senza Ronaldo e a tratti è sembrato più vivo che mai».

«A Bola»

«Fernando Santos ha lasciato fuori Ronaldo, ha inserito Otávio e Gonçalo Ramos nell'undici titolare, e tutto ha funzionato alla perfezione. La Nazionale portoghese ha offerto una prestazione brillante. Gli svizzeri rientrano dall'intervallo con un nuovo sistema tattico, ma non serve a nulla perché il Portogallo è molto ispirato, soprattutto con Gonçalo Ramos, che va nuovamente a segno. E tutto questo nel giorno in cui Cristiano Ronaldo era solo in panchina».

Altri

«Sport 1» (Germania)

«Il fatto che Ronaldo non fosse presente nell'undici di partenza ha probabilmente sorpreso anche gli svizzeri. All'inizio sono stati loro a prendere l'iniziativa, ma Ramos non era nel loro radar. Ha segnato con un tiro potente portando in vantaggio i suoi, e poi, lui e i suoi compagni di squadra hanno dato il massimo. Gli svizzeri, scioccati, non si sono quasi mai fatti pericolosi fino alla rete di Akanji».

«Gazzetta dello Sport» (Italia)

«C'è un nuovo sceriffo in città, con pistole fumanti, e quindi, in Portogallo nessuno sente la mancanza di Cristiano Ronaldo. La migliore partita di Fernando Santos in questa Coppa del Mondo, sia in termini di gol che di percentuale di gioco, è stata quella in cui Ronaldo è rimasto in panchina per 73 minuti. E non può essere una coincidenza. Nel frattempo, tutto il Paese - e non solo Lisbona, come di solito accade - può gioire per i gol segnati da Gonçalo Ramos, che ha sostituito CR7 in avanti e ha portato la sua nazionale ai quarti di finale».

«Daily Mail» (Regno Unito)

«Niente Ronaldo, nessun problema! Gonçalo Ramos segna una tripletta per giustificare la decisione di lasciare la stella fuori dall'undici titolare. Il dibattito sul fatto che i portoghesi siano migliori o peggiori senza Ronaldo è ormai chiuso. Dopo essere stato escluso dalla formazione titolare a causa della sua recente follia, non c'è modo di tornare indietro su di lui. Almeno non nella formazione iniziale».