Da russa a georgiana

Cambia nazionalità per accedere a Wimbledon

sda/bfi

20.6.2022

Natela Dzalamidze in action during the game between Natela Dzalamidze - Kaja Juvan and Aleksandra Krunic - Pattinama Kerkhove in Transylvania Open Doubles Semifinals, in BT Arena Cluj-Napoca, 30 October 2021. (Photo by Alex Nicodim/NurPhoto via Getty Images)
Natela Dzalamidze
Getty Images

La giocatrice di doppio Natela Dzalamidze ha trovato il sistema per poter aggirare il divieto di giocare a Wimbledon.

sda/bfi

20.6.2022

Secondo un articolo del quotidiano The Times, la tennista in questione sarebbe Natela Dzalamidze, una giocatrice di doppio di 29 anni classificata n. 44 al mondo, che gareggerà nel doppio femminile con la serba Aleksandra Krunic nel torneo londinese che inizierà il 27 giugno.

Gli organizzatori di Wimbledon hanno annunciato ad aprile che ai tennisti russi e bielorussi sarebbe stato impedito di competere quest'anno a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina. Un portavoce dell'All England Club ha detto al Times che c'è la possibilità di azione da parte loro in caso cambio di nazionalità come per la Dzalamidze che ha soddisfatto i requisiti di ammissione.

«La nazionalità dei giocatori, definita come la bandiera sotto la quale giocano negli eventi professionistici, è un processo concordato che è regolato dai tour e dall'ITF», ha affermato il portavoce.

Chi è Natela Dzalamidze

Dzalamidze è nata a Mosca il 27 febbraio 1993. Dalle poche informazioni biografiche sul suo conto non è chiaro quale sia il suo esatto legame familiare con la Georgia, ma sia il suo nome che il suo cognome sono di origine georgiana.

Dzalamidze, ex giocatrice di singolare che ha raggiunto la posizione n. 245 del mondo nel 2015, ha raggiunto di recente nuove vette nel circuito di doppio, raggiungendo il mese scorso la posizione n. 43 del ranking. È stata due volte vincitrice del tour principale WTA e ha vinto circa 300.000 sterline in premi durante i suoi 13 anni di carriera professionale. Quest'anno sarà la terza volta che si presenta a Wimbledon.

Quanto paga Wimbledon

Partecipando al doppio femminile, la tennista russo-georgiana si garantisce un premio in denaro di almeno 8mila franchi, che salirebbe a circa 300'000 se lei e la Krunic dovessero vincere il torneo.

È possibile che la Dzalamidze partecipi anche al doppio misto, che prevede un assegno di circa 2mila franchi per chi arriva al primo turno e di 80'000 per ciascuno dei vincitori finali. 

Atleta neutrale a Parigi

Agli Open di Francia del mese scorso, Dzalamidze ha gareggiato come atleta neutrale insieme alla connazionale Kamilla Rakhimova, perdendo al primo turno. Dall'inizio di marzo russi e bielorussi giocano nei tour senza alcun riferimento alla loro nazionalità.

Il veto di Wimbledon

Il divieto imposto per Wimbledon ai giocatori di Russia e Bielorussia ha provocato diverse polemiche in tutto il mondo del tennis, con la WTA e l'ATP, il suo equivalente maschile, che hanno privato il torneo di punti in classifica.

Nessuno degli altri tornei del Grande Slam ha finora seguito l'esempio di Wimbledon, con gli US Open che hanno annunciato la scorsa settimana che i giocatori russi e bielorussi potranno competere sotto una bandiera neutrale.

Il bando deciso da Wimbledon ha escluso una serie di top player, tra cui Daniil Medvedev, il numero uno del mondo maschile e campione in carica degli US Open, così come la due volte vincitrice del major Victoria Azarenka.