«Ciao Djoker, giustizia è fatta» - «Scandoloso decidere di deportare il nostro asso»

Marcel Allemann/bfi

14.1.2022

epa09684505 Novak Djokovic of Serbia rests during a practice session ahead of the Australian Open Grand Slam tennis tournament at Melbourne Park in Melbourne, Australia, 14 January 2022. The Australian federal government has re-cancelled Novak Djokovic's visa. EPA/DIEGO FEDELE AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT
Novak Djokovic 
KEYSTONE

Internamento, liberazione, sorteggio, invalidazione e ritorno dal giudice che deciderà nei prossimi giorni. La saga di Novak Djokovic in Australia non smette di stupire. Questo ne pensano oggi i media locali e internazionali.

Marcel Allemann/bfi

14.1.2022

Australia

The Age: «Lasciarlo rimanere sarebbe stato un modo garantito per il primo ministro di glassare una torta di errori politici con uno spesso strato di follia politica. Era insostenibile permettere al tennista non vaccinato di entrare facilmente in Australia dopo che aveva ingannato i funzionari di frontiera sul suo viaggio in Spagna ed era stato sorpreso in pubblico in Serbia mentre era infetto dal coronavirus. La pena è che gli può essere negato l'ingresso in Australia per tre anni. Ma sono stati i fattori politici ad essere fondamentali nella decisione del ministro dell'Immigrazione Alex Hawke, uno dei più stretti alleati di Morrison. Il governo ha visto che gli australiani non sono in vena di dare a Djokovic una deroga, dopo che così tante persone hanno sopportato regole dure per così tanto tempo - anche quando ciò ha significato chiudere il confine ai cittadini del paese».

Herald Sun: «Ciao, Djoker! È stata fatta giustizia verso l'uomo che ha giocato con il sistema. Novak Djokovic può ricordare i colpi che ha giocato dieci anni fa, ma in qualche modo ha dimenticato che era in Spagna il mese scorso».

Daily Mail: «Le speranze di Djokovic di rimanere a Melbourne per difendere il suo titolo agli Australian Open sono appese a un filo. È una corsa contro il tempo».

Serbia

Republika: «Il miglior tennista del mondo, Novak Djokovic, viene espulso dall'Australia! Questa decisione scandalosa è stata presa dal ministro dell'immigrazione Alex Hawke, che ora ha deciso di deportare il nostro asso nonostante la decisione del tribunale».

Blic: «Notizie scioccanti dall'Australia - il ministro dell'immigrazione Alex Hawke ha preso la decisione di espellere Novak Djokovic dal paese! Questo è senza dubbio uno dei più grandi scandali sportivi del 21° secolo!»

Glas Javnosti: «Indimenticabile nella storia dello sport. Il ministro dell'immigrazione Alex Hawke ha usato il suo potere personale per cancellare il visto di Novak Djokovic».

Telegraf: «Incredibili le ragioni date dal ministro: salute pubblica e benessere. E questo in un paese che ha 150 000 nuove infezioni al giorno - è pazzesco!».

Svizzera

Blick: «Non si tratta di fare di Novak Djokovic un modello, non si tratta di mostrare il numero 1 del mondo. Sono stati commessi degli errori, nel suo clan o da lui stesso, non possiamo giudicare, solo le autorità che emettono la sentenza lo possono fare».

Tagesanzeiger: «Una tragedia con quasi solo dei perdenti. Il ministro dell'immigrazione australiano non ha avuto altra scelta che espellere il serbo. La confusione è comunque enorme».

NZZ: «Nel frattempo, la città di Melbourne, Tennis Australia e altre associazioni sportive in Australia sono preoccupate per il danno che la farsa Djokovic ha recato all'Australia come paese per i grandi eventi sportivi. Ora sperano con un Australian Open sportivamente eccitante e stimolante faccia dimenticare la debacle che circonda la stella del tennis. Il governo australiano, che deve affrontare gli elettori a maggio, probabilmente spererà anche in questo».

Internazionale

FAZ (Germania): «Il dramma australiano intorno a Djokovic continua. Poco dopo che il ministro Hawke ha annunciato la sua decisione, il primo ministro Morrison ha parlato di 'controversie legali in corso'. La maggioranza degli avvocati, ovviamente, non dà una sola possibilità di vittoria alla rinnovata spinta del team di Djokovic».

The Sun (Regno Unito): «Doppia colpa - il visto di Novak Djokovic cancellato di nuovo per il covid, la sua difesa del titolo agli Australian Open in dubbio».

BBC (Regno Unito) «La decisione di cancellare il visto di Djokovic - dopo che un tribunale si era precedentemente pronunciato a suo favore - è in gran parte per salvare la faccia con gli elettori australiani in un anno di elezioni. Per raggiungere questo obiettivo, il governo è pronto a sopportare qualsiasi ricaduta diplomatica, l'imbarazzo internazionale e l'ira dei sostenitori di Djokovic. Durante le ultime due settimane il governo federale è stato irremovibile: nessuno è al di sopra delle regole. Nemmeno il numero uno del tennis maschile. Un principio semplice e diretto. Ma il modo in cui è stato gestito non lo è stato altrettanto».