Esclusione dei russi a Wimbledon

Medvedev: «È ingiusto, ma posso capire la decisione»

SDA - La redazione

17.5.2022

Medvedev dovrà saltare il torneo di Wimbledon.
Keystone

Il numero due del tennis mondiale ha commentato la sua situazione, che lo vede al momento impossibilitato di prendere parte al terzo torneo stagionale del Grande Slam.

SDA - La redazione

17.5.2022

Non è facile essere russo in questo momento. Nel mondo dello sport, i tennisti sono comunque fortunati: a differenza di molti altri atleti, possono continuare a praticare la loro professione. Daniil Medvedev, ad esempio, che è stato numero 1 per tre settimane a fine febbraio, è pronto a vivere il suo ritorno, che coincide con il debutto stagionale sulla terra battuta, al torneo ATP di Ginevra. Il 26enne è stato operato ad inizio aprile per rimuovere una piccola ernia.

L'esclusione da Wimbledon

Per quanto riguarda però gli eventi decisivi della stagione, che nel tennis coincidono con i quattro tornei del Grande Slam, ci sono dei grattacapi per il tennista russo numero 2 del ranking internazionale. Perché proprio all'evento più importante del calendario tennistico, Wimbledon, il ventiseienne moscovita non potrà gareggiare in quanto agli atleti russi e bielorussi è stato imposto il divieto di calpestare l'erba più costosa e popolare del pianeta.

Medvedev è un uomo brillante ed eloquente. Domenica a Ginevra, non ha evitato domande spiacevoli e ha raccontato il suo stato emotivo, in inglese e francese. Quando è stata decisa l'interdizione da Wimbledon, il ragazzo di Mosca si stava allenando per il rientro. «Non ho quindi ancora parlato personalmente con altri giocatori». Ma ovviamente ci ha pensato.

«È ingiusto perché anche altri russi possono lavorare in Inghilterra»

La decisione di escludere i russi da Wimbledon è ingiusta o comprensibile? Medvedev ci pensa brevemente e risponde in modo molto differenziato: «Sono entrambe le cose. È ingiusto perché noi russi siamo giocatori individuali dell'ATP Tour e anche altri russi possono lavorare in Inghilterra».

«Posso comprendere anche la decisione di Wimbledon»

Ma è anche «complicato», osserva il tennista moscovita. «Dove si stabilisce il limite per l'esclusione dei giocatori? Posso quindi comprendere anche la decisione di Wimbledon». Sugli eventi in Ucraina, Medvedev dice solo: «È triste».

Per ora sta cercando di trarre il meglio dalla situazione. «Se potessi giocare a Wimbledon, sarei felice perché amo questo torneo. In caso contrario, giocherò da qualche altra parte e cercherò di prepararmi per il prossimo anno, quando spero di poter tornare».

Ma ora lo aspetta la terra battuta di Ginevra, per poi passare al Roland Garros, il secondo Grande Slam della stagione. Siamo certi che a Parigi Medvedev metterà in campo tutta la sua solita bravura e tenacia.