Sandgren: «Mi sento benissimo, posso battere chiunque»

23.1.2020 - 19:00, bfi

Tennys Sandgren
Getty 

Il giustiziere di Matteo Berrettini (ATP.nr.8) è stato lo statunitense Tennys Sandgren che dichiara di sentirsi in forma smagliante. 

Se i tuoi genitori hanno deciso di chiamarti Tennys il tuo destino potrebbe anche essere segnato. È stato sicuramente il caso dello statunitense Tennys Sandgren, che a 28 anni continua il suo percorso agli Australian Open.

Sandgren si è sbarazzato del numero 8 Matteo Berrettini

Il numero 100 della classifica ATP si è sbarazzato dell'italiano Berrettini in cinque set 7-6(7), 6-4, 4-6, 2-6, 7-5. Il 23enne di Roma, numero 8 dell'ATP, è il quarto top ten battuto in carriera da Sandgren. In precedenza il 28enne del Tennessee aveva battuto Stan Wawrinka e Dominic Thiem nel 2018 - sempre agli Australian Open - mentre nel 2019 riuscì a battere Fabio Fognini a Wimbledon.

«Ho battuto un top ten in un appuntamento del Grande Slam - ha commentato lo statunitense - non sono sicuro in quale posizione sia, ma so che si trova molto in alto». 

La vittoria di Sandgren è stata sofferta, raggiunta dopo 3 ore e 23 minuti di gioco. Nonostante lo statunitense ha vinto solo 148 punti contro i 152 del suo avversario, è riuscito nel compito di mantenere vive delle palle importanti.  

Tennys è gasatissimo

Il numero 100, gasatissimo, crede di riuscire nell'impresa di avanzare ulteriormente nel tabellone. Il suo prossimo avversario sarà il connazionale Sam Querrey, numero 45 ATP. 

«Posso battere chiunque»

«Se gioco bene posso battere chiunque. Mi sento così», ha detto Sandgren.

«Mi sento molto bene, do sempre il mio meglio nei Grand Slams. A volte mi perdo un po' in quanto mi trovo a giocare 30 o 35 settimane all'anno». La corta pausa natalizia sembra aver fatto bene a Sandgren, che proprio in Australia aveva già battuto Wawrinka e Thiem nel 2018. 

Anche Roger Federer?

Anche Djokovic, Nadal e Federer devono temere Tennys Sandgren? Il basilese è il primo dei Big Three che potrebbe -eventualmente -  incontrare lo statunitense trovandosi dalla stessa parte del tabellone.

Nonostante i suoi 38 anni Roger Federer non ha mai giocato contro Tennys Sandgren. Lo svizzero sembra comunque essere partito benissimo in questo Australian Open, avendo battuto con autorevolezza e una certa facilità dapprima lo statunitense Johnson (6:3, 6:2, 6:2) e poi il serbo Krajinovic (6:1, 6:4, 6:1).

Aldilà della buona forma messa in campo finora a Melbourne, va ricordato che Sandgren in carriera ha vinto un solo torneo ATP, nel 2019 ad Auckland.  Inoltre, prima di arrivare ad un eventuale incrocio con Federer, anche Sandgren dovrà battere altri due avversari.

Tornare alla home pageTorna agli sport