L'altra faccia di Kyrgios

«So come ci si sente quando nessuno ti capisce... sono qui per te»

19.3.2021

epa09006234 Nick Kyrgios of Australia reacts during his third Round Men's singles match against Dominic Thiem of Austria on Day 5 of the Australian Open at Melbourne Park in Melbourne, Australia, 12 February 2021. EPA/DAVE HUNT AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT
Nick Kyrgios, il tennista australiano più forte e discusso degli ultimi anni
KEYSTONE

Stavolta l'australiano Nick Kyrgios non si prende le prime pagine delle pagine sportive per i suoi atteggiamenti da 'bad boy', ma per un gesto da vero bravo ragazzo. 

19.3.2021

Dopo delle turbolenti settimane in cui é stato al centro dell'attenzione per la sua vita sentimentale - ha annunciato la riunione con Chiara Passari - e dopo l'Australian Open, durante il quale Kyrgios é stato eliminato da Dominic Thiem in un avvincente match durato cinque set, l'australiano ha pubblicato un messaggio davvero commovente per i suoi fan.  

Il 25enne di Canberra ha infatti postato una sua foto accompagnata da sue parole al termine del Citi Open. Nel messaggio descrive le sue esperienze da bambino quando allenatori e maestri gli dissero che non avrebbe fatto delle belle cose. 

«Mi sento di dire che ho potuto smentire molte persone».

Il testo è accompagnato da un messaggio motivazionale, in cui Nick Kyrgios da prova di compassione.

«Questo è per tutti quelli che lottano con la motivazione, lottano con quello che è il loro scopo, è per quelli che hanno giorni in cui non vogliono uscire dal letto, va bene. Sono stato in posti di cui non sono orgoglioso, la gente mi diceva sempre "è uno spreco di talento" "è una delusione". Ho avuto a che fare con un disgustoso razzismo, persone a me vicine mi dissero di aver perso la speranza. So come ci si sente quando pensi che nessuno capisca le lotte che hai in testa. Ti dico subito che tutto andrà bene, goditi questa bella vita davanti a te, fai ciò che ti rende felici. Non dare questa opportunità per scontata. Sentiti libero di contattarmi se ti senti perso, o se non hai nessun altro da cui andare. Sono qui per te».