Manager banche non rinunciano a bonus

ATS

3.4.2020 - 12:19

Diversi dirigenti d'azienda hanno rinunciato a una parte delle remunerazioni.
Source: KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI

Anche presso le grandi banche i top manager dovrebbero rinunciare a una parte dei compensi, come stanno facendo i dirigenti di aziende di altri settori? È troppo presto per parlarne, risponde una portavoce di UBS interpellata dall'agenzia Awp.

Dipenderà dall'andamento dell'esercizio e dell'evoluzione del mercato, ha spiegato l'addetta stampa. L'anno scorso i numeri uno di UBS e Credit Suisse, Sergio Ermotti e Tidjane Thiam, hanno figurato fra i manager meglio pagati al mondo, con retribuzioni milionarie a due cifre.

Nel frattempo è emerso – notizia di settimana scorsa – che Ermotti ha deciso di versare un milione – attraverso una sua fondazione – per i ticinesi in difficoltà a causa del coronavirus. E il nuovo Ceo di Credit Suisse Thomas Gottstein, interpellato dalla SRF, ha fatto sapere che l'istituto sta già pensando a un gesto di solidarietà.

Intanto nei piani alti delle aziende di altri rami economici si cerca già di dare l'esempio. Il presidente della direzione del colosso elettrotecnico ABB Björn Rosengren ha rinunciato al 10% del salario (erano previsti circa 6 milioni di franchi per l'anno in corso), mentre i dirigenti di TX Group (l'editore che pubblica tantissime testate in Svizzera) hanno sospeso il loro accesso a programmi di partecipazioni agli utili.

Direttori e consiglieri di amministrazione di Georg Fischer – la cui filiale Mikron è presente in Ticino – si sono tagliati lo stipendio fisso del 10-20%. Sulla stessa lunghezza d'onda sono la dirigenza di Meyer Burger (pannelli solari), con una decurtazione del 15%, Zehnder (climatizzazioni, taglio del 20%) e APG (pubblicità, 20%). Ancora più in là si spinge Eric Born, il numero uno Swissport, l'impresa di assistenza a terra ai velivoli che ha visto crollare il fatturato: vuole dimezzarsi la remunerazione.

Tornare alla home page

ATS