US Navy vs UFO

«C'è qualcosa là fuori»

Philipp Dahm

25.5.2021

«Se l'avessi visto solo io, forse non avrei detto nulla», ha testimoniato l'ufficiale Alex Dietrich, pilota della marina militare statunitense.
«Se l'avessi visto solo io, forse non avrei detto nulla», ha testimoniato l'ufficiale Alex Dietrich, pilota della marina militare statunitense.
Screenshot Youtube

Un servizio della CBS ha causato furore negli Stati Uniti: la trasmissione «60 Minutes» ha parlato di UFO con ex impiegati del Pentagono e piloti della marina. Un incidente in particolare del 2004 fa riflettere.

Philipp Dahm

25.5.2021

Negli ultimi tre anni, il fenomeno UFO è tornato all'ordine del giorno, soprattutto grazie alle agenzie ufficiali statunitensi che improvvisamente prendono sul serio la questione. Se in passato, per esempio, i piloti statunitensi venivano dichiarati pazzi se avvistavano e riferivano cose inspiegabili, oggi la Marina e l'Air Force incoraggiano i loro aviatori a renderli noti.

Un reportage dell'emittente CBS ha ora dato un nuovo impulso alla questione. Nel format televisivo «60 Minutes», diversi ex piloti americani sono stati intervistati e hanno potuto parlare liberamente delle loro esperienze. A metà aprile, il Pentagono stesso aveva persino confermato l'autenticità delle registrazioni della cabina di pilotaggio che mostravano tali fenomeni aerei non identificati, gli Unidentified Aerial Phenomena (UAP), come vengono chiamati oggi gli oggetti volanti non identificati, Unidentified Flying Objects (UFO).

Il giornalista della CBS Bill Whitaker ha parlato per la prima volta con Luis Elizondo, già responsabile di un progetto chiamato Advanced Aerospace Threat Identification Program (ATIP) al Pentagono a partire dal 2008. In altre parole, doveva valutare ufficialmente gli avvistamenti di UAP per identificare possibili minacce alla sicurezza nazionale. Dopo tutto, un UFO può anche nascondere un nuovo tipo di tecnologia da parte di un potenziale nemico.

Luis Elizondo ha lavorato per il Pentagono dal 2008 al 2017.
Luis Elizondo ha lavorato per il Pentagono dal 2008 al 2017.
Screenshot Youtube

Sa che sembra «pazzesco» quello che sta affermando, ha detto l'ex ufficiale dell'esercito americano. Ma questi UAP esistono: «E la domanda è: che cosa sono?». Ecco perché l'ATIP si affida a esperti di una vasta gamma di attività, come ingegneri, agenti, specialisti dell'aviazione, dell'elettronica e dell'ottica. Analizzano registrazioni che sono inspiegabili.

Caratteristiche di volo fisicamente impossibili

«Immaginate una tecnologia - ha chiarito Elizondo - che può resistere a una forza di 600-700 G, viaggiare a 21'000 km/h, non può essere rilevata da nessun radar, può volare nell'aria come nell'acqua e forse nello spazio, che non ha segni esteriori di propulsione o non ha ali, e che sfida le leggi della gravità. Ecco, questo è quello che abbiamo visto». [Nota del redattore: i piloti di caccia addestrati possono sopportare una forza di 9 G per uno o due secondi al massimo].

Un UAP che ha volato davanti alla telecamera del jet della Marina nel novembre 2004.
Un UAP che ha volato davanti alla telecamera del jet della Marina nel novembre 2004.
KEYSTONE

L'ATIP, ha detto, stava cercando di escludere tutte le possibilità, come, ad esempio, un nuovo missile da crociera cinese, un pallone da ricognizione segreto o una propria tecnologia ancora sconosciuta. «Ma il fatto che sia nel nostro spazio aereo lo rendeva una priorità, lo rendeva problematico».

Il tenente Ryan Graves sapeva cosa sarebbe sembrato in volo. L'ex pilota della marina ha avvistato regolarmente degli UAP nello spazio aereo limitato al largo della costa della Virginia a partire dal 2014. Era un contatto visibile solo nelle immagini infrarosse e radar. Nel 2019, altri UAP sono stati fotografati nella stessa zona e la loro autenticità è stata confermata.

Il pilota: «Non so cosa sia»

Quanto spesso il pilota di F/A-18 ha visto tali UAP? «Ogni giorno, almeno per un paio d'anni», ha risposto Graves. C'è un video di un evento che si è verificato al largo della costa della Florida nel 2015. «Eravamo storditi da quello che stavamo vedendo», ha detto l'ex pilota, ripensando a quell'episodio. Nessuna propulsione è visibile nell'oggetto nel mirino della telecamera. «Non so cosa sia», Graves scrolla le spalle: «Potrebbe essere qualsiasi cosa».

Semplicemente sbalordito: l'ex pilota Ryan Graves (a sinistra) guarda il suo filmato UAP con il giornalista della CBS Bill Whitaker.
Semplicemente sbalordito: l'ex pilota Ryan Graves (a sinistra) guarda il suo filmato UAP con il giornalista della CBS Bill Whitaker.
Screenshot Youtube

Il cambiamento di filosofia ai più alti livelli potrebbe essere stato innescato da un incidente accaduto alla portaerei USS Nimitz al largo della costa della California il 14 novembre 2004, e che è attestato da quattro piloti, immagini radar e riprese video. «60 Minutes» ha parlato con due di quei piloti, la cui testimonianza sembra fantastica.

Alex Dietrich era un'ufficiale dei sistemi d'arma in uno dei due F/A-18 coinvolti e ha parlato per la prima volta di quello che è successo. «Non ho mai voluto andare in TV», ha detto la Dietrich. «Ma sono stata su un aereo del governo, sono stata in servizio, e sento la responsabilità di condividere quello che posso, ora che non è più classificato come un segreto».

«Abbiamo visto quest'oggetto, sembrava un'enorme Tic-Tac»

Un cacciatorpediniere della formazione, la USS Princeton, aveva ottenuto un radar più moderno, che nel 2004 ha localizzato degli UAP che «hanno perso ben 24.000 piedi di quota in meno di un secondo». Due caccia sono decollati per indagare. Hanno trovato un oggetto grande come il loro jet da combattimento. L'UAP si librava nel mare calmo. Sotto di lui c'erano solo degli spruzzi di acqua bianchi.

«C'è qualcosa là fuori»: decollo di un F/A-18 da una portaerei.
«C'è qualcosa là fuori»: decollo di un F/A-18 da una portaerei.
Keystone / archivio

I piloti si sono guardati l'un l'altro e hanno detto: «Cos'è quello?», ha detto Dave Fravor, comandante dello squadrone Nimitz. «Abbiamo visto questo oggetto bianco che sembrava una Tic Tac. Si muoveva [a scatti] sull'acqua bianca. Lo abbiamo seguito più da vicino». L'oggetto, che non aveva propulsione o ali visibili, si è diretto verso di loro.

L'episodio dura circa cinque minuti. «E poi, quando era proprio di fronte a me - spiega Fravor - è scomparso. Non c'era più». Pochi secondi dopo, la USS Princeton è in grado di acquisire nuovamente il bersaglio a 100 chilometri di distanza. «Non so se avrei detto qualcosa se avessi volato da sola e l'avessi visto», ha chiarito l'aviatrice Dietrich. «Sembra così assurdo quando lo dico».

Se ne saprà di più a giugno?

«Ma avete detto, 'C'è qualcosa là fuori'», insiste Whitaker della CBS (nel video al minuto 9:42). Come afferma Dietrich, «C'è qualcosa». «C'è sicuramente qualcosa», gli fa eco Fravor. «Non so chi l'ha costruito, chi ha la tecnologia, chi ha l'intelligenza, ma c'era qualcosa là fuori che spero non sia un aereo». Ciò significa e implica che un avversario ha tecnicamente superato gli Stati Uniti.

Segreto revocato: parlano gli ex-piloti Alex Dietrich (a sinistra) e Dave Fravor (a destra).
Segreto revocato: parlano gli ex-piloti Alex Dietrich (a sinistra) e Dave Fravor (a destra).
Screenshot Youtube

L'incidente è stato registrato, e poi dimenticato, fino a quando Elizondo ha rivisto il dossier nel 2009. Nel 2012, tuttavia, l'ATIP è stato chiuso. Quando Elizondo si è ritirato nel 2017, è stato ancora in grado di pubblicare tre video, che hanno creato molto scalpore su internet e sul «New York Times». A causa dell'interesse pubblico, anche il Pentagono ha ceduto e ha ristabilito l'ATIP come Task Force che si occupa degli UAP.

Nel frattempo, anche i politici si stanno interessando di nuovo alla questione: a dicembre, i senatori statunitensi hanno chiesto alle agenzie di intelligence informazioni sugli UAP. Il rapporto è previsto per il mese di giugno ed è molto atteso.

Il reportage della CBS ha fatto scalpore negli Stati Uniti ed è stato menzionato al «Jimmy Kimmel Live» e al «Late Late Show», dove l'ex presidente Barack Obama era ospite. Durante lo show, due cose sono emerse: da un lato, il predecessore di Donald Trump è il tipo di presidente a cui molti chiedono consigli personali. Dall'altro, gli è stata fatta una domanda  sugli UAP: «Ha una teoria sugli UFO, il signor Obama?».

La risposta è stata questa:

«Beh, uh, quando si tratta di alieni, ci sono cose che non posso dire... Guarda: la verità è che l'ho chiesto quando sono entrato in carica: C'è il laboratorio dove teniamo le parti di alieni e le astronavi? Hanno fatto una piccola ricerca e la risposta è no. Quello che è vero, e dico sul serio, è che c'è materiale e registrazioni di oggetti nel cielo che non sappiamo esattamente cosa siano. Che non possiamo spiegare. Ma non posso riferirvi nulla [di nuovo] oggi».

Qualunque cosa significhi.