Al confine

Francia: speleologo salvato dopo 48 ore sottoterra

ATS

11.5.2021

IMMAGINE D'ILLUSTRAZIONE 
IMMAGINE D'ILLUSTRAZIONE 
KEYSTONE / ARCHIVIO

Uno speleologo di 55 anni caduto sabato a 120 metri di profondità in una voragine nel Doubs, a un passo dal confine svizzero, è stato tratto in salvo lunedì dopo 48 ore sottoterra, dopo una «grande operazione» di soccorso.

ATS

11.5.2021

L'uomo le cui «condizioni sembrano stabili» è stato trasportato per via aerea all'ospedale di Besançon, a una quarantina di chilometri dal confine con il canton Neuchâtel, ha fatto sapere in un comunicato la prefettura di Doubs.

Lo speleologo, originario di Digione, sabato stava esplorando delle grotte del Vauvougier a Malbrans con altre quattro persone, secondo il giornale «L'Est Républicain».

È caduto sulla schiena da un'altezza di cinque metri ed è rimasto gravemente ferito, ha indicato la prefettura, precisando che la sua vita non era in pericolo ma che non poteva uscire da solo.

La vittima è stata rapidamente messa in salvo, sotto controllo medico, in attesa che i servizi di emergenza aprissero la strada per riportarlo in superficie.

Circa 200 persone

«Questa operazione di soccorso su larga scala, sia in termini di risorse che di durata, ha mobilitato circa 200 persone durante il fine settimana e ha richiesto l'intervento di numerosi mezzi di trasporto e l'intervento in un ambiente ristretto, compreso l'uso di cariche micro-esplosive per espandere vari punti di accesso» e consentire il sollevamento della vittima su una barella, ha aggiunto la prefettura.

Oltre ai vigili del fuoco e alla gendarmeria, sono stati mobilitati sul sito 69 volontari del Soccorso speleologo francese, di cui 39 sono scesi all'interno delle grotte.