L'ipotesi del laboratorio appare ora plausibile anche agli scienziati

Di Andreas Fischer

9.6.2021

Al Wuhan Institute of Virology non si vogliono scoprire le carte: la ricerca attuale fa sembrare plausibile l'ipotesi che il coronovirus possa aver avuto origine in laboratorio. Ma su nulla vi sono delle certezze
Al Wuhan Institute of Virology non si vogliono scoprire le carte: la ricerca attuale fa sembrare plausibile l'ipotesi che il coronovirus possa aver avuto origine in laboratorio. Ma su nulla vi sono delle certezze
KEYSTONE

Il Sars-CoV-2 viene dal laboratorio o no? La questione non è solo politicamente molto delicata: anche la comunità scientifica è sempre più divisa. La ricerca attuale ha un potenziale scottante.

Di Andreas Fischer

9.6.2021

Circa un anno e mezzo dopo la prima apparizione del nuovo coronavirus, la sua origine non è ancora certa. La mancanza di chiarezza sul percorso del virus dagli animali agli esseri umani sta causando una rinnovata tensione politica tra gli Stati Uniti e la Cina.

Il presidente statunitense Joe Biden ha recentemente commissionato una ricerca ai Servizi segreti con l'obiettivo di indagare la teoria che l'agente patogeno Sars-CoV-2 sia entrato in contatto con gli esseri umani attraverso un incidente di laboratorio a Wuhan.

La Cina respinge con indignazione e risolutezza ogni supposizione, ogni accusa, ogni voce che il virus provenga da un laboratorio situato sul suo suolo. Recentemente, tuttavia, ci sono state crescenti indicazioni che l'ipotesi potrebbe almeno essere plausibile.

OMS: «Improbabile, ma non impossibile»

Anche se non ci sono ancora prove concrete, la teoria della provenienza del Covid da un laboratorio non viene più liquidata come una semplice teoria complottista. Anche il capo dell'OMS Tedros non è sicuro: «Tutte le ipotesi sono sul tavolo e devono essere ulteriormente studiate», ha detto alla presentazione del rapporto di un team di esperti dell'OMS che aveva cercato le origini del virus in Cina all'inizio di quest'anno.

Qualche mese fa gli scienziati avevano concluso che era «estremamente improbabile» che il virus fosse scappato da un laboratorio di Wuhan. Ma il caposquadra Peter Ben Embarek ha dovuto ammettere condizioni di lavoro particolari durante l'indagine.

La pressione politica era stata grande, i cinesi non avevano sempre collaborato e non avevano fornito tutti i dati. «Il fatto che l'ipotesi sia classificata come estremamente improbabile non significa che sia impossibile. Non stiamo chiudendo quella porta».

La ricerca attuale supporta la tesi del laboratorio

Due recenti articoli del «Wall Street Journal» della fine di maggio e dell'inizio di giugno e uno di «Vanity Fair» alimentano ora il dibattito che si è scatenato sulla plausibilità. Poco più di un anno fa, 27 rinomati scienziati avevano, in linea di principio, bloccato sul nascere qualsiasi discussione sull'ipotesi di laboratorio in una dichiarazione nell'autorevole rivista scientifica «The Lancet».

Le ipotesi secondo le quali il Covid-19 non ha un'origine naturale sono state respinte dai firmatari all'epoca e descritte come teorie del complotto. Dopo di che c'è stato silenzio per un po'.

Anche se la maggioranza degli scienziati continua a credere in un'origine naturale del virus, la comunità di ricerca non è più sicura al 100%. In ogni caso la questione è di nuovo d'attualità.

Un gruppo di rispettati ricercatori ha sottolineato nella rivista scientifica «Science» che sia un'origine naturale del virus che l'ipotesi di laboratorio sono plausibili. Un segno che l'ipotesi di laboratorio è ora presa sul serio. Soprattutto da quando il capo virologo statunitense Anthony Fauci ha recentemente rivisto la sua opinione: se un anno fa aveva detto con relativa chiarezza che il virus ha probabilmente avuto origine naturale, ora non ne è più sicuro, come riporta «Der Spiegel».

L'istituto di Wuhan è all'avanguardia nei coronavirus

Più recentemente, il virologo tedesco Christian Drosten ha ammesso che era almeno tecnicamente nel regno della possibilità che il virus fosse stato creato accidentalmente o deliberatamente in un laboratorio. Tuttavia, «se qualcuno avesse sviluppato il Sars-CoV-2 in questa maniera, direi che l'ha fatto in un modo piuttosto indiretto». Drosten ritiene che l'industria cinese delle pellicce sia la fonte più plausibile del virus.

Secondo Drosten l'idea di un incidente di ricerca è «decisamente improbabile: non credo che una cosa del genere verrebbe fuori dall'Istituto di virologia di Wuhan. Quello è un istituto accademico serio». La struttura di virologia di Wuhan (WIV) è considerata il principale istituto di ricerca cinese nel pipistrello e su altri coronavirus. Si dice che la più grande collezione asiatica di tali agenti patogeni vi abbia sede.

Il laboratorio di Wuhan è uno di quelli con il più alto livello di bio-sicurezza. Ci sono 59 laboratori di alta sicurezza in tutto il mondo. Sono progettati in modo che vi si possano studiare i virus e i batteri più pericolosi, che possono causare gravi malattie e contro i quali non si conoscono antidoti o vaccini.

L'uso di filtri d'aria ad alte prestazioni impedisce la fuoriuscita di virus. Inoltre, tutte le acque reflue di queste strutture sono trattate con prodotti chimici o calore. Coloro che vi lavorano ricevono una formazione speciale e devono indossare tute protettive. Si deve però anche dire che non ci sono standard internazionali vincolanti per un lavoro sicuro e responsabile.

Gli incidenti di laboratorio accadono di continuo

E sì, gli incidenti - il 70% dei quali, tra l'altro, sono causati da errori umani - si verificano a volte nei laboratori di punta. Ma sono più comuni nelle strutture con livelli di sicurezza inferiori, che sono migliaia in tutto il mondo.

Il virus H1N1 che ha scatenato la pandemia di influenza del 1918 è fuggito dai laboratori dell'Unione Sovietica e della Cina nel 1977 prima di diffondersi in tutto il mondo.

Nel 2004, due studenti che stavano lavorando nell'Istituto Nazionale di Virologia di Pechino hanno contratto e trasmesso l'agente patogeno Sars: la madre di uno di loro è morta. Nel 2014, alcune fiale di virus del vaiolo sono state scoperte quando un ufficio della US Food and Drug Administration è stato spostato.

Nel dibattito sull'origine della pandemia da Sars-CoV-2 non è solo la Cina a essere stata messa alla gogna. Anche il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti è stato criticato. Alcuni politici repubblicani li accusano di promuovere la cosiddetta ricerca «gain-of-function» con i coronavirus a Wuhan.

Ricerca rischiosa sui virus

Nella ricerca «gain-of-function», gli scienziati modificano gli agenti patogeni in modo tale che siano più facili da trasmettere, più letali o più difficili da combattere con farmaci e vaccini. In questo modo, vogliono scoprire come gli agenti patogeni possono essere combattuti meglio in un ambiente naturale quando hanno le mutazioni corrispondenti.

I benefici e i rischi di questo approccio di ricerca sono stati a lungo oggetto di un aspro dibattito. La controversia ha raggiunto l'apice nel 2011 quando due squadre di ricercatori hanno alterato i virus dell'influenza aviaria per renderli trasmissibili tra i mammiferi.

L'epidemiologo di Harvard Marc Lipsitch avverte che un ceppo di virus creato in questo modo potrebbe infettare un lavoratore di un laboratorio e alla fine causare un'intera pandemia. «Questa ricerca non è necessaria e non contribuisce allo sviluppo di farmaci o vaccini», sostiene anche Richard Ebright della Rutgers University.

Negli Stati Uniti, la ricerca sui virus dell'influenza e sui coronavirus con questo metodo è stata sospesa dal 2014, ma è stata di nuovo autorizzata dal 2017. Nel frattempo, un comitato di esperti deve esaminare in anticipo ogni caso singolarmente.

Scritto con l'aiuto di materiale AFP e dpa