200 anni fa

Morte di Napoleone: la tesi del veleno sempre meno credibile

SDA

5.5.2021

La teoria della morte di Napoleone per avvelenamento da arsenico ha fatto scorrere molto inchiostro, ma 200 anni dopo è stata respinta da scienziati e storici.
La teoria della morte di Napoleone per avvelenamento da arsenico ha fatto scorrere molto inchiostro, ma 200 anni dopo è stata respinta da scienziati e storici.
KEYSTONE

La teoria della morte di Napoleone per avvelenamento da arsenico ha fatto scorrere molto inchiostro, ma 200 anni dopo è stata respinta da scienziati e storici che convalidano la tesi ufficiale dell'ulcera gastrica diventata cancerogena.

SDA

5.5.2021

«È difficile accettare che Napoleone sia morto nel suo letto», senza intervento esterno. «Preferiremmo» che il grande uomo «fosse stato avvelenato, o addirittura che il suo corpo fosse stato sostituito», dice lo storico Pierre Branda, autore di «Napoléon à Sainte-Hélène».

«Il caso Napoleone»

Il 5 maggio 1821, alle 17:49 Napoleone Bonaparte morì all'età di 51 anni a Sant'Elena. «Cancro allo stomaco», ha scritto il governatore dell'isola prigione, Sir Hudson Lowe, nel suo comunicato stampa dopo la sua autopsia. Suo padre Charles e una delle sue sorelle, Elisa, sono d'altronde morti a causa della stessa malattia.

All'inizio degli anni Sessanta, l'analisi dei capelli attribuita all'imperatore caduto lanciò il «caso Napoleone». Viene trovato dell'arsenico e un medico britannico afferma, secondo un dispaccio dell'AFP del novembre 1964, che Napoleone è stato «sottoposto a un lento avvelenamento con arsenico» durante la sua prigionia e che, «nell'ultimo anno, gli fecero prendere del veleno 40 volte».

La paura di essere avvelenato

Per tutta la vita Napoleone ha avuto paura di venire avvelenato. Ma la realtà di questo avvelenamento è «un'idea assurda», secondo lo storico Jean Tulard, grande specialista di Napoleone Bonaparte.

«Tranne per dire che questo avvelenamento era iniziato... nel 1805, poiché già a quel tempo i suoi capelli contenevano arsenico». Tulard ricorda infatti che anche i capelli di diversi membri della famiglia di Napoleone avevano un certo contenuto di arsenico.

Cancro allo stomaco

Perizie e controperizie si susseguiranno per decenni. «Abbiamo regolarmente offensive avvelenate», ride Thierry Lentz, direttore della Fondazione Napoléon.

Ricercatori svizzeri e statunitensi, tuttavia, assicurano nel 2007 che l'Imperatore sarebbe effettivamente morto di cancro allo stomaco, probabilmente a causa di un'infezione batterica.

Durante l'autopsia fu constatata un'ulcera perforata. Negli ultimi giorni della sua vita l'emorragia era diventata massiccia. Ma i suoi medici non avevano trovato niente di meglio che somministrargli mercurio, che accentua... le emorragie.

«Diciamo che gli hanno accorciato la vita di qualche giorno», dice lo storico Pierre Branda. L'Imperatore d'altronde morì in atroci sofferenze, secondo i testimoni.

Il corpo di Napoleone? No, del suo maggiordomo

Un'altra teoria che continua a circolare è quella secondo cui la persona che riposa dal 1840 nella tomba dell'«Hôtel national des Invalides», a Parigi, non sarebbe Napoleone, ma... il suo maggiordomo, corso come lui.

Gli storici dilettanti affermano che il vero corpo dell'Imperatore caduto è nascosto nel seminterrato dell'Abbazia di Westminster a Londra. «È uno scherzo. Tutto si riduce alla cospirazione», dice Pierre Branda.

Nel 2002 il Ministero della Difesa ha rifiutato di sottoporre ad analisi del DNA il corpo custodito nel mausoleo.