Per l'OMS

L'OMS: «È pericoloso dire che Omicron è l'ultima variante, potrebbero arrivarne di più letali»

SDA

24.1.2022 - 14:46

Potrebbe emergere anche una variante più letale.
Keystone

«È pericoloso presumere che Omicron sarà l'ultima variante o parlare di fine dei giochi», poiché attualmente nel mondo le condizioni per l'emergere di altre mutazioni del Covid sono «ideali».

SDA

24.1.2022 - 14:46

Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus in una conferenza stampa, avvertendo che la possibilità che emerga una nuova variante «più trasmissibile e più letale» è «molto reale».

L'affermazione è in contraddizione con quanto dichiarato ieri dal direttore dell'ufficio per l'Europa dell'Agenzia secondo il quale è «plausibile» che con Omicron almeno il Vecchio Continente «si stia avviando alla fine della pandemia».

«Lavorare insieme per uscire dalla fase acuta»

«La pandemia di Covid sta entrando nel suo terzo anno e siamo in un momento cruciale» ha poi proseguito il direttore generale, in occasione dell' apertura del Comitato Esecutivo dell'OMS, che si riunisce questa settimana a Ginevra.

Il capo dell'Agenzia dell'Onu ha esortato tutti i paesi a collaborare per mettere fine alla pandemia, sottolineando che gli strumenti per affrontarla ora ci sono.

«Dobbiamo lavorare insieme per porre fine alla fase acuta», ha detto. «Non possiamo permettere che continui a trascinarsi, passando dal panico alla trascuratezza».

Potrebbe arrivare una variante più pericolosa

Il potenziale per una variante «più trasmissibile e più letale» è «molto reale», secondo Tedros. Per porre fine alla fase acuta della pandemia, i Paesi non devono restare a guardare, e devono, tra l'altro, combattere l'iniquità del vaccino, monitorare il virus e le sue varianti e adottare le misure restrittive appropriate, ha spiegato.

Il capo dell'Oms chiede instancabilmente da settimane agli Stati membri di accelerare la distribuzione dei vaccini nei paesi poveri, con l'obiettivo di raggiungere il 70% della popolazione di ciascun paese entro la metà del 2022.

Tuttavia, in Africa, l'85% della popolazione non ha ancora ricevuto una singola dose di vaccino, ha sottolineato. La metà dei 194 Stati membri dell'OMS ha già mancato l'obiettivo del 40% di copertura vaccinale entro la fine del 2021, secondo l'OMS.

Un decesso ogni 12 secondi

In media la scorsa settimana, il Covid ha causato un decesso ogni 12 secondi e sono stati segnalati 100 casi ogni tre secondi, ha affermato il dottor Tedros. La comparsa della «preoccupante» variante Omicron a novembre ha fatto aumentare i casi in tutto il mondo, con oltre 80 milioni di casi segnalati da allora.

«Finora, l'esplosione dei casi non è stata seguita da un'impennata dei decessi, anche se questi sono in aumento in tutte le regioni, soprattutto in Africa, la regione con il minor accesso ai vaccini», ha affermato il capo dell'Oms.

«È vero che vivremo con il Covid per il prossimo futuro (...) ma imparare a convivere con il Covid non dovrebbe significare che dobbiamo dargli libero sfogo. Non dovrebbe significare che dobbiamo accettare che quasi 50.000 persone muoiono ogni settimana a causa di una malattia che può essere prevenuta e curata», ha avvertito.

La pandemia sta inoltre sconvolgendo i sistemi sanitari e minando i progressi compiuti negli ultimi anni nella lotta contro altre malattie.

Obiettivi ancora non raggiunti

Tedros ha anche sottolineato che gli obiettivi del «triplo miliardo» dell'OMS - vale a dire raggiungere nel periodo 2019-2023 un miliardo di persone in più che beneficiano della copertura sanitaria universale, un miliardo di persone in più meglio protette contro le emergenze e un miliardo in più di persone che godono di una salute migliore - è rimasto indietro.

Per questo il segretariato dell'OMS propone di prolungare di due anni questo programma generale di lavoro, fino al 2025, in modo da intensificare gli investimenti da qui ad allora per raggiungere gli obiettivi del «triplo miliardo».

Questa misura sarà discussa questa settimana dall'Executive Board, poi a maggio da tutti gli Stati membri dell'OMS. Martedì anche il Comitato Esecutivo dell'OMS, che riunisce una trentina di paesi tra cui la Francia, dovrebbe ascoltare il dottor Tedros sulla sua candidatura per la rielezione a capo dell'organizzazione: è l'unico in corsa.

SDA