Ratzinger commise errori

Pedofilia nell'arcidiocesi di Monaco, quasi 500 le vittime di abusi

SDA

20.1.2022 - 13:52

Il Papa emerito Benedetto XVI: gli abusi emersi si sono verificati anche nel periodo in cui era arcivescovo della Diocesi di Monaco.
Keystone

Sono almeno 497 le persone che hanno subito danni nell'ambito degli abusi pedofili nell'arcidiocesi di Monaco. Lo ha spiegato Martin Pusch leggendo il rapporto indipendente. Ratzinger, oggi Papa emerito, avrebbe commesso errori in almeno quattro episodi. La Santa Sede esprime «vergogna e rimorso».

SDA

20.1.2022 - 13:52

Per lo più si tratta di giovani vittime di sesso maschile, il 60% dei quali in età compresa fra 8-14 anni.

L'indagine è stata condotta dallo studio legale Westpfahl Spilker Wastl e scandaglia l'operato di preti e religiosi dal dopoguerra fino ai nostri giorni, dal 1945 al 2019. È compreso il periodo in cui fu arcivescovo della diocesi Joseph Ratzinger.

La piaga della pedofilia e degli abusi aveva portato l'attuale arcivescovo, il cardinale Reinhard Marx, a dimettersi lo scorso mese di giugno. Dimissioni che, nel giro di qualche giorno, furono respinte da Papa Francesco.

Il cardinale non è presente alla conferenza. «Lo abbiamo invitato ma ha deciso di non venire. Naturalmente deploriamo questa scelta», ha detto Marion Westpahl, presentando il rapporto.

L'arcidiocesi tedesca farà la sua valutazione non direttamente giovedì 20, ma in una conferenza stampa convocata per il 27 gennaio, una settimana dopo la presentazione del rapporto.

In quattro casi Ratzinger fece degli errori

Nel rapporto il Papa emerito Josef Ratzinger viene accusato di comportamenti erronei in quattro casi, relativamente al periodo in cui era arcivescovo.

Il papa emerito allora arcivescovo all'epoca dei fatti, stando al documento, non ha intrapreso nulla nei confronti dei quattro religiosi accusati degli abusi. In due casi si tratta di religiosi i cui abusi erano stati documentati da tribunali statali. I due preti sono rimasti attivi nella cura delle anime, non è stato intrapreso niente sul profilo del diritto ecclesiastico.

Un interesse per le vittime da parte di Ratzinger, inoltre, «non è stato ravvisabile». Ratzinger è stato arcivescovo di Monaco dal 1977 al 1982. Nella sua presa di posizione, Ratzinger ha affermato di non aver commesso errori di comportamento per tutti i 4 casi indicati nel rapporto. Lo ha indicato il giurista Martin Pusch a Monaco. Ratzinger ha rilasciato una dichiarazione scritta, allegata al rapporto.

Al cardinale Reihnard Marx sono da attribuire errori di comportamenti relativamente a 2 casi di abusi nel 2008, mentre all'ex cardinale di Frisinga, Friedrich Wetter, sono imputati errori di comportamento in 21 casi. Wetter non nega che vi siano stati i casi, ma nega di essersi comportato in modo sbagliato.

Il Vaticano esprime «vergogna e rimorso»

«La Santa Sede ritiene di dover dare la giusta attenzione al documento, di cui al momento non conosce il contenuto. Nei prossimi giorni, a seguito della sua pubblicazione, ne prenderà visione e potrà opportunamente esaminarne i dettagli».

Lo ha detto ai giornalisti il portavoce vaticano Matteo Bruni, interpellato sul rapporto sugli abusi nell'arcidiocesi di Monaco e Frisinga.

«Nel reiterare il senso di vergogna e il rimorso per gli abusi sui minori commessi da chierici, la Santa Sede assicura vicinanza a tutte le vittime e conferma la strada intrapresa per tutelare i più piccoli garantendo loro ambienti sicuri», ha aggiunto Bruni.

SDA