WWA: «Il riscaldamento globale non ha causato la carestia»

SDA

2.12.2021 - 08:47

This picture made available by the World Food Program on Tuesday, Nov. 2, 2021, shows a water distribution center in Ankilimanondro, Madagascar. Hundreds of thousands of lives are at risk in Madagascar, the only place in the world right now where
Foto d'archivio
KEYSTONE

Questo è quanto sostiene un nuovo studio della rete di scienziati World Weather Attribution, pubblicato oggi, che contraddice la tesi delle Nazioni Unite che descrivono la situazione in Madagascar come una «carestia del cambiamento climatico».

SDA

2.12.2021 - 08:47

«Sulla base delle osservazioni e dei modelli climatici, il verificarsi di scarse piogge osservate da luglio 2019 a giugno 2021 nel sud del Madagascar non è aumentato in modo significativo a causa dei cambiamenti climatici causati dall'uomo», ha affermato la rete di scienziati World Weather Attribution.

Il Madagascar è stato colpito dalla peggiore siccità degli ultimi quattro decenni. A giugno il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha affermato che il Madagascar è «il primo paese al mondo che sta vivendo condizioni simili alla carestia a causa della crisi climatica».

Ma i risultati del nuovo studio, pubblicato oggi dalla rete di scienziati World Weather Attribution (WWA), non supporta la teoria secondo cui la carestia del Madagascar è stata indotta dai cambiamenti climatici. Lo studio della WWA rileva che «la mancanza di pioggia nei 24 mesi da luglio 2019 a giugno 2021 è stata stimata come un evento di siccità che avviene 1 anno su 135, evento superato in gravità solo dalla devastante siccità del 1990-92». E poi sostiene: «Sulla base delle osservazioni e dei modelli climatici, il verificarsi di scarse piogge osservate da luglio 2019 a giugno 2021 nel sud del Madagascar non è aumentato in modo significativo a causa del cambiamento climatico causato dall'uomo».

«Non sorprende. Questi risultati corrispondono a quelli di un rapporto pubblicato ad agosto dall'Intergovernmental Panel on Climate Change delle Nazioni Unite, che indicava che il riscaldamento globale non dovrebbe influenzare i livelli di siccità in Madagascar fino a quando non raggiunge i due gradi Celsius sopra il epoca preindustriale. Al momento l'aumento è di circa 1,1 C. I nostri risultati non sono sorprendenti, sono molto in linea con gli studi precedenti», ha dichiarato Friederike Otto dell'Environmental Change Institute dell'Università di Oxford.

«Sono rimasto più sorpreso dal fatto che le Nazioni Unite lo definiscano chiaramente come il cambiamento climatico indotto», ha aggiunto, dicendo che «gli eventi estremi sono sempre una combinazione di cose». «È davvero importante non presumere automaticamente che ogni cosa brutta che sta accadendo sia dovuta al cambiamento climatico, non è vero».

SDA