Esplorazione spaziale

Sonda Insight: dopo l'atterraggio su Marte, aperti i pannelli solari

ATS

27.11.2018 - 03:00

La sonda Insight della Nasa si è posata su Marte. È il quindicesimo veicolo a toccare il suolo marziano a partire dal 1971, quando su Marte si era posato il sovietico Mars 2, distrutto durante la discesa.

La sonda InSight è riuscita lunedì sera a posarsi su Marte dopo un viaggio cominciato in California in maggio, ha comunicato la NASA. È il primo atterraggio portato a termine con successo sul pianeta rosso dopo sei anni.

"Con Marte è sempre difficile, niente è garantito", aveva dichiarato domenica lo scienziato statunitense di origini svizzere Thomas Zurbuchen, capo del comitato che aveva approvato la missione da un miliardo di dollari.

L'ultimo fu quello di Curiosity, attiva ancora oggi, mentre gli europei e i russi (che furono i primi a raggiungerlo) hanno fallito a più riprese, l'ultima nel 2016 con lo schianto di Schiaparelli.

Discesa difficile

InSight ha invece aperto nei tempi previsti il suo paracadute ed è sopravvissuta a una discesa di sei minuti e mezzo "di terrore" attraverso l'atmosfera, il momento più delicato.

Trasporta fra le altre cose un sismometro realizzato in collaborazione con il Politecnico di Zurigo (sue sensibilissime componenti elettroniche) e dotato di micromotori prodotti in Ticino, dalla Faulhaber Minimotor di Croglio.

I dati raccolti da InSight saranno inviati anche al Centro svizzero di calcolo di Lugano e messi a disposizione degli specialisti dell'ETH zurighese, fra i quali il professore di sismologia Domenico Giardini.

Scene di giubilo nella sala controllo della missione a Pasadena.
KEYSTONE/NASA

La prima foto

Qualche minuto dopo essersi posata, InSight ha inviato a Terra la sua prima foto, quasi in diretta grazie a due microsatelliti Cube che servono da relais.

InSight è alimentata da due pannelli solari, che si sono aperti. Il suo programma di lavoro è molto carico e consiste essenzialmente lo studio attraverso le onde del suolo dalla crosta fino al cuore del pianeta, che non si sa se sia liquido o solido. Sono conoscenze che permetteranno di meglio comprendere la sua formazione nel corso di miliardi di anni.

Foto fornita il 26.11.2018 dalla NASA della sonda InSight dopo il suo atterraggio su Marte.
NASA

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS