74ma edizione

Locarno Film Festival pronto al via, Brunschwig: «Prenotazioni a quota 35'000»

SwissTXT / sam

3.8.2021

Locarno: 72mo Locarno Film Festival. Nella foto Raphaël Brunschwig Direttore Amministrativo. © Locarno Film Festival /  Ti-Press / Samuel Golay. © Ti-Press / Samuel Golay
Raphaël Brunschwig, direttore operativo del Locarno Film Festival
archivio Ti-Press

A poche ore dall'inizio della 74ma edizione del Locarno Film Festival, che inevitabilmente sarà fortemente influenzata dalla pandemia, il direttore operativo Raphaël Brunschwig si dice soddisfatto: «Le prenotazioni stanno andando bene». Alla Rotonda solo con il Pass Covid.

SwissTXT / sam

3.8.2021

Interpellato dalla RSI, Brunschwig aggiunge che l'interesse c'è: «Siamo a poco più di 35'000 prenotazioni. Va però detto che non abbiamo un confronto con il passato. Noi sappiamo che un’edizione normale del festival genera circa 150-170'000 spettatori e siamo ancora lontani da lì. Possiamo solo dire che le prenotazioni ci sono, i sistemi funzionano e siamo curisosi e fiduciosi di vedere cosa succederà nelle prossime due settimane».

Ci sono stati problemi legati all'obbligo di prenotare i biglietti? «È una grossa sfida, perché di fatto abbiamo dovuto cambiare le abitudini del nostro pubblico e adattare alle nuove normative. È quindi inevitabile che ci sia stato qualche problema isolato. Ma li abbiamo risolti tempestivamente», risponde sempre ai microfoni dell'emittente di Comano.

A fine festival le cifre saranno inferiori al passato. «Le 11 sale cinematografiche, eccetto Piazza Grande e il Fevi, sono limitate a due terzi, perché non richiedono il certificato Covid, mentre richiedono l’utilizzo della mascherina. Quindi c’è una diminuzione fisiologica della capacità. Questo unito al fatto che si sono spezzate delle routine e che alcune persone probabilmente non si sentono ancora pronte ci porta a prevedere che ci sarà un calo di spettatori rispetto all’ultima edizione prima della pandemia», aggiunge il direttore operativo del Locarno Film Festival Brunschwig. Il calo è stimato in un 30%.

Alla Rotonda con il Pass Covid

Ed è tutto pronto alla Rotonda, che - dopo un anno di pausa forzata causa Covid - torna quest'anno, ma in una nuova veste. Un milione di franchi il costo complessivo per le 16 serate, tra concerti, cibo ed eventi.

Con il motto «Come Together!», 20 artisti svizzeri suoneranno per animare le nottate di Locarno74. «Sarà ancora il luogo dove trovarsi prima o dopo le proiezioni, si potrà bere, si potrà mangiare, ci saranno dei concerti acustici e dei DJ set, ma si potranno anche trovare tante cose da scoprire realizzate da o con artisti», parola sempre di Brunschwig, che rivela ad esempio che ci sarà una vecchia cabina di proiezione del festival, che è stata restaurata per l'occasione e al cui interno si potrà vivere un'esperienza in realtà virtuale, andando nello spazio.

«La Rotonda di giorno diventa il cuore del festival per quelle che sono le attività di parola. Nel senso che tutti gli incontri con le personalità o i talks avranno luogo nel nuovo forum che trova spazio proprio qui», aggiunge ancora il direttore operativo del Film Festival. Quest'anno la Rotonda è stata allestita da quattro artisti, ognuno a modo suo.

Quest'anno la Rotonda dovrà fare i conti con la pandemia e avrà dunque una capienza di persone controllata di al massimo 1'500 persone a serata e la richiesta del pass Covid: «Noi ci limitiamo a seguire quelle che sono le disposizioni federali e cantonali, che prevedono che per quegli eventi con più di 1'000 persone è obbligatorio il certificato Covid», spiega infine Brunschwig.