Un secolo dall’esplosione della fabbrica Nitrum di Bodio

SwissTXT / pab

21.7.2021

La fabbrica Nitrum di Bodio
La fabbrica Nitrum di Bodio
RSI

Sono passati esattamente 100 anni dalla terribile esplosione della fabbrica di prodotti chimici Nitrum che, il 20 luglio 1921, provocò la devastazione di Bodio, quella che allora era la principale area industriale del canton Ticino.

SwissTXT / pab

21.7.2021

Nella fabbrica, considerata dal profilo industriale una delle migliori della Svizzera e dove lavoravano circa una settantina di persone, si produceva acido nitrico, usato principalmente per la fabbricazione di esplosivi e di concimi chimici.

Come raccontano le ultime testimonianze dirette di quella catastrofe, raccolte nei primi anni 80, l'esplosione mise in serio pericolo l'intero villaggio. In molti furono costretti ad abbandonarlo a causa del rischio di ulteriori esplosioni, poi scongiurato.

Non è chiaro quante persone persero la vita, gli archivi divergono. Alcune fonti ne indicano 15, mentre altre 16. I feriti furono 23, mentre i danni provocati furono di circa 6 milioni di franchi di allora.

Un errore umano

A causare l'esplosione fu un errore umano, che marcò l’inizio di un periodo estremamente difficile per la comunità che durò diversi anni.

Il disastro del 1921 dimostrò anche quanto fosse necessaria l’esistenza di un’organizzazione di pronto intervento più vicina alla zona industriale di Bodio. Il 18 settembre 1923, alcuni sanitari di Bodio, militanti nella sezione di Giornico, si riunirono in assemblea e venne fondata la «Sezione Samaritani Bodio e dintorni».