Politica

Il Consiglio federale respinge l'«iniziativa sulle pensioni»

ns, ats

22.6.2022 - 10:35

Al Consiglio federale non piace in particolare l'automatismo previsto dall'iniziativa.
Keystone

Il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare «Per una previdenza vecchiaia sicura e sostenibile (Iniziativa sulle pensioni)».

ns, ats

22.6.2022 - 10:35

Ha trasmesso oggi al parlamento il relativo messaggio. L'adeguamento dell'età di pensionamento alla speranza di vita non tiene conto degli aspetti inerenti alla politica sociale e al mercato del lavoro, afferma.

Il Consiglio federale sostiene invece le riforme in corso nell'ambito della previdenza per la vecchiaia, tese a mantenere il livello delle prestazioni dell'AVS e della previdenza professionale obbligatoria e a garantire l'equilibrio finanziario del primo e del secondo pilastro, si legge in un comunicato del governo. Sulla riforma concernente la stabilizzazione dell'AVS (AVS 21) popolo e Cantoni si esprimeranno in settembre.

L'iniziativa sulle pensioni chiede, in una prima tappa, che l'età di pensionamento AVS venga innalzata a 66 anni sia per gli uomini che per le donne. A tale scopo, quattro anni dopo l'accettazione del testo, l'età di pensionamento degli uomini verrebbe aumentata di due mesi ogni anno fino a raggiungere 66 anni. L'età di pensionamento delle donne verrebbe innalzata più velocemente, ovvero di quattro mesi ogni anno.

Una volta conclusa questa prima tappa, l'iniziativa chiede che l'età di pensionamento venga legata alla speranza di vita media della popolazione svizzera residente all'età di 65 anni. L'adeguamento dovrà avvenire ogni anno in scaglioni di due mesi al massimo e dovrà essere comunicato agli interessati cinque anni prima che essi raggiungano l'età di pensionamento.

No ad automatismi

L'esecutivo ritiene che un tale automatismo non terrebbe sufficientemente conto della situazione effettiva del mercato del lavoro – in particolare per quanto riguarda i lavoratori anziani – e nemmeno della situazione sociale.

Inoltre, il semplice innalzamento dell'età di pensionamento non basterebbe per risolvere il problema dell'evoluzione demografica nell'AVS, ma sarebbero necessarie altre misure, tra cui un finanziamento aggiuntivo.

Infine, l'introduzione di un tale automatismo non sarebbe compatibile con il sistema politico svizzero, afferma il governo: l'iscrizione dell'età di pensionamento nella Costituzione federale priverebbe il Consiglio federale, il parlamento e il popolo del margine di manovra necessario per poter prendere in considerazione altri criteri.

Il Consiglio federale propone quindi al parlamento di raccomandare al popolo e ai Cantoni di respingere l'iniziativa.

Riforme sono già in corso

Il governo punta invece sulla riforma AVS 21, approvata dal parlamento il 17 dicembre 2021 e su cui il popolo voterà il prossimo 25 settembre. AVS21 vuole garantire il finanziamento dell'assicurazione e mantenere il livello delle prestazioni per il prossimo decennio. L'età di pensionamento verrebbe armonizzata per i due sessi a 65 anni. Per le donne prossime al pensionamento l'aumento dell'età AVS sarà accompagnato da misure compensative.

Per generare entrate supplementari si procederà a un aumento dell'imposta sul valore aggiunto (IVA). Inoltre, il passaggio dalla vita professionale al pensionamento sarà reso più flessibile e potrà essere effettuato gradualmente tramite la riscossione parziale della rendita. Chi lavorerà oltre i 65 anni avrà la possibilità di colmare eventuali lacune contributive e aumentare così la propria rendita.

Il Consiglio federale intende migliorare la previdenza per la vecchiaia degli assicurati con redditi modesti. A tal fine si prevede di rendere la previdenza professionale obbligatoria accessibile anche ai lavoratori con gradi d'occupazione e redditi bassi. La riforma LPP 21 è attualmente discussa in parlamento.

ns, ats