L'analisi del politologo: «L'UDC è tornato»

Di Anna Kappeler

5.8.2021

Il presidente dell'UDC Marco Chiesa attacca le città nel suo discorso del 1 agosto.
Il presidente dell'UDC Marco Chiesa attacca le città nel suo discorso del 1 agosto.
Schermata del video Youtube di Chiesa

L'UDC ha un nuovo nemico: le città rosso-verdi. Lo ha dichiarato il presidente del partito Marco Chiesa. Di cosa si tratta? E le elezioni si possono vincere in questo modo? L'analisi del politologo Claude Longchamp.

Di Anna Kappeler

5.8.2021

No, solenne sarebbe diverso. Il discorso di Marco Chiesa del 1° agosto ha riacceso le emozioni. E riverbera. Le parole scelte dal presidente dell'UDC sono insolitamente dure. Nel suo videomessaggio per la Festa nazionale Chiesa si scaglia contro la «politica dei parassiti» nelle città.

La rabbia di Chiesa è rivolta alla «sinistra di lusso» e ai «Verdi paternalisti». Vogliono dire agli altri come vivere, sostiene il presidente del partito.

Ma come fa a fare un'affermazione del genere? Cosa ci guadagna l'UDC a mettere le città contro le campagne? E cosa dice questo attacco verbale sulla forma del più grande partito di questo Paese? Ecco le valutazioni del politologo Claude Longchamp, che abbiamo raggiunto per telefono mentre era in vacanza.

Signor Longchamp, perché l'UDC sceglie le città come nuovo nemico?

L'UDC era un partito abituato al successo fino alle elezioni del 2019. Anche se già allora era in stagnazione da dieci anni, con il 29% era ad un livello molto alto. Le elezioni del 2019, tuttavia, hanno segnato un crollo dal quale si sta solo lentamente riprendendo. Da quest'anno, il partito democentrista ha ripreso a coltivare strategicamente alcuni temi, per esempio si è profilato contro la chiusura dei bar e per l'abrogazione delle misure Covid. Ma questo non ha funzionato del tutto, come hanno dimostrato le elezioni nel canton Argovia. E poi è arrivato il 13 giugno e il No alla legge sul CO₂. Questo ha dato al partito l'opportunità per l'attuale questione urbana.

Perché l'UDC ha visto che i voti nelle zone rurali possono essere sconfitti?

Esattamente. E il meccanismo dei democentristi di prendere di mira qualcosa o qualcuno non è nuovo. In passato erano i rifugiati, nel 2019 è stato l'avversario politico ad essere ritratto come un verme in una mela.

Il politologo Claude Longchamp
Claude Longchamp
KEYSTONE

Claude Longchamp è uno storico e politologo. Fino ad aprile 2017 è stato amministratore delegato dell'istituto di ricerca gfs.bern. Da molti anni analizza i voti in qualità di esperto, ad esempio in precedenza alla televisione svizzera.

Il colpo del verme della mela si è ritorto contro. Ci sono state critiche anche all'interno dei propri ranghi per questo riferimento alla propaganda nazista.

Sì, ma il meccanismo si ripete. E consiste nel parlare con immagini forti, cioè con i pregiudizi. L'UDC ha il senso di quali questioni sono latentemente di attualità politica. Li sfruttano per la mobilitazione.

Il divario città-campagna potrebbe ritorcersi contro il partito?

Le sezioni urbane dell'UDC si sono già lamentate. Il partito vuole riconquistare la sovranità sui media. E un primo effetto l'hanno già ottenuto, altrimenti io e lei non ne staremmo parlando ora. Il meccanismo della provocazione funziona ancora. In secondo luogo, l'UDC sta cercando di ottenere l'appoggio dei borghesi. Vuole diventare di nuovo il leader della borghesia. E, terzo punto, i democentristi stanno chiaramente attaccando i rosso-verdi attraverso le città. Vogliono vincere le elezioni in questo modo. E ora presenteranno un bouquet di richieste con cui potranno conquistare alleati politici.

Le divergenze città-campagna hanno il potenziale per portare al successo elettorale l'UDC?

Non sottovaluterei questa mossa. Da un punto di vista interno all'UDC, ha senso. Dopo la sorprendente vittoria con la legge sul CO₂, continuano costantemente a gestire la questione della divisione città-campagna. Qui l'UDC è riuscita a vincere nonostante la posizione di partenza «uno contro tutti». Questa è la posizione preferita dell'UDC. Il partito può così vantarsi di essere il salvatore del popolo. Attenzione, ciò che è buono per l'UDC non è necessariamente buono per la Svizzera.

Il partito si sta risollevando dal crollo?

La svolta è iniziata già in primavera. Il «Sì» al divieto del burqa è stato una vittoria importante per l'UDC. La loro posizione contro le misure anti-Covid fa piacere a una parte della popolazione. E ora a giugno hanno vinto anche sulla legge sul CO₂. Dopo le elezioni sul clima del 2019, l'umore generale ora, sulla legge sul CO₂, si è spostato a destra. L'UDC è tornato. E questo in un momento in cui il PLR è in una difficile posizione di ricerca in termini di contenuti e di persone, e l'Alleanza del Centro sta ancora metabolizzando la sua fusione con il BDP.

D'accordo. Ma l'UDC sta promuovendo una divisione della società. Abbiamo visto dove questo può portare negli Stati Uniti sotto Trump. Non è pericoloso per la Svizzera?

Questo è il punto di vista degli oppositori. Non dobbiamo dimenticare che da diversi mesi c'è un nuovo movimento extraparlamentare in Svizzera: gli oppositori alle misure anti-Covid. E si mobilitano regolarmente per le manifestazioni. Questo è un fenomeno nuovo. E funziona. Nel giro di un anno, questo movimento è riuscito a passare dall'essere un totale outsider a un fattore nella politica svizzera.

L'UDC è l'unico partito che si rende conto dove c'è del potenziale elettorale inattivo?

Non sono ancora sicuro del potenziale degli elettori. Ma sono sicuro che c'è un forte processo di politicizzazione in corso. È possibile che questo processo stia politicizzando persone che normalmente non votano. Le misure anti-Covid non escono dal Parlamento, ma lo Stato interviene nella nostra vita quotidiana. E questo politicizza. Se guardo la storia dell'UDC nella Svizzera tedesca, ha sempre avuto una dottrina: nessun partito alla nostra destra. Ora l'UDC vuole impedire la nascita di un nuovo partito con gli oppositori alle misure anti-Covid.

Parliamo brevemente del presidente del partito Marco Chiesa: finora la domanda era: dov'è Chiesa?

Ora la domanda è: cosa sta succedendo a Chiesa per fare un simile discorso del 1° agosto? Non si era davvero abituati a un tale tono da Chiesa fino ad ora. Questo discorso è più sulla linea di Aeschi (il presidente del gruppo parlamentare, ndr). Finora avevo l'impressione che Chiesa stesse facendo di tutto per assicurare che l'UDC rimanesse un partito di governo.

È un altro passo verso l'era post-Blocher?

Molte cose lo indicano. Quello che è chiaro è che figure come Martullo, Aeschi e Matter sono al vertice e stanno visibilmente guadagnando forza. La mia teoria è che si sono lavorati Chiesa finché non si è unito a loro. Non funzionerà senza di lui come presidente del partito.