Tony, non vedente, ha già visitato 125 paesi

tsch

7.3.2018

Tony Giles è un autentico avventuriero. L'inglese di 39 anni è cieco e ha una capacità uditiva soltanto del 20% senza protesi acustiche. Nonostante ciò ha già visitato 125 paesi. E non intende fermarsi qui!

A soli nove mesi i medici gli diagnosticano una malattia della vista molto rara nei bambini. A dieci anni perde completamente la vista. Da quel momento, Tony, nato a Weston-super-Mare, nel sud dell'Inghilterra, ha dovuto affrontare molti ostacoli, ma non ha mai perso la sua gioia di vivere. Ha imparato a ritrovarsi, malgrado la sua cecità.

Durante l'adolescenza frequenta una scuola speciale e scopre di essere in grado, nonostante i suoi handicap (senza protesi, la sua capacità uditiva era di circa il 20%), di viaggiare da solo. Comincia quindi a visitare altri paesi. «Conoscevo già un po' gli Stati Uniti, ero stato a Boston a 16 anni, e avevo visitato New York e Washington con un amico.» Così Tony comincia a prenderci gusto. Oggi, a 39 anni, ha già visitato tutti gli Stati Uniti e ha pubblicato due libri sulle sue avventure in giro per il mondo.

Grandi obiettivi

Alla scuola per disabilità motorie, Tony si rende conto che il destino toccato ad alcune persone e anche peggiore del suo. Il suo migliore amico è affetto da distrofia muscolare. «Stava morendo a poco a poco. Ciò mi ha influenzato molto. È poi morto nell'ottobre 1995», scrive Tony sul suo sito Internet tonythetraveller.com. Poco tempo dopo, viene a mancare anche suo padre. «Ero così addolorato». In seguito a questi tragici eventi, Tony comincia a bere per cercare di lenire il proprio dolore.

È stato sul punto di diventare un alcolizzato. Ma grazie all'aiuto dei suoi amici, nel 2002 riesce a liberarsi da questa dipendenza. Sei anni dopo, questo avventuriero e fan sfegatato di Bob Dylan subisce un trapianto di rene. Da quel momento in poi, nulla ostacolerà più il suo sogno: visitare tutti i paesi del mondo.

«Ho viaggiato attraverso tutti i continenti, visitato tutti i 50 Stati degli USA, tutti i paesi del Sud America e le dieci provincie del Canada», spiega Tony. L'inglese affamato di avventura ha anche scoperto il couchsurfing: Tony Giles ha già 'dormito sui divani' del Venezuela, della Tanzania, dell'Uganda, del Kenya, dell'Indonesia, dell'Ungheria e del Giappone. I suoi prossimi viaggi lo condurranno in Groenlandia, in Egitto e in Russia. Il suo sogno è di stabilirsi, un giorno, in Nuova Zelanda e di aprirvi un ostello della gioventù insieme alla sua compagna. E naturalmente di continuare a viaggiare molto!

Tornare alla home page