Birmania: Onu, almeno 149 uccisi da 1. febbraio

SDA

16.3.2021 - 12:31

Stando alle informazioni raccolte dall'Onu almeno 11 persone sono state uccise ieri e 57 durante il fine settimana. Nella foto manifestanti sotto assedio oggi a Yangon.
Keystone

È salito ad almeno 149 morti il macabro bilancio delle persone uccise in Birmania (Myanmar) dall'inizio delle proteste pacifiche contro il colpo di stato del primo febbraio. Lo ha denunciato oggi a Ginevra l'Alto commissariato dell'Onu per i diritti umani.

SDA

16.3.2021 - 12:31

«Ci sono molte altre segnalazioni di ulteriori uccisioni che non siamo stati ancora in grado di confermare», ha detto la portavoce Ravina Shamdasani.

Con l'imposizione della legge marziale in un certo numero di regioni, confermare le informazioni sta diventando» sempre più difficile, tuttavia – ha detto la portavoce – siamo riusciti a confermare che almeno 149 persone sono state arbitrariamente private della loro vita dal primo febbraio. Di queste, almeno 11 sono state uccise lunedì e 57 durante il fine settimana.»

In Birmania, le forze di sicurezza «hanno utilizzato la forza letale in modo sempre più aggressivo contro manifestanti pacifici e continuano ad arrestare e detenere arbitrariamente persone in tutto il paese» con oltre 2'084 persone incarcerate, ha riferito la portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Secondo le informazioni dell'Onu, nelle ultime settimane si sono verificati almeno cinque decessi in detenzione e almeno due corpi hanno segni di gravi abusi fisici che indicano che sono stati torturati, ha aggiunto Ravina Shamdasani, ribadendo l'appello alla fine delle violenze.

SDA